in

Alessandro Neri: 6 mesi fa l’omicidio, ancora oggi senza un colpevole

Omicidio Alessandro Neri: esattamente sei mesi fa, la sera del 5 marzo 2018, spariva il 28enne di Spoltore poi ritrovato tre giorni dopo, senza vita, in un rivolo d’acqua nella zona di campagna detta ‘Fosso Vallelunga‘, periferia sud di Pescara. Ad oggi quell’omicidio è ancora senza un colpevole. Si indaga infatti a carico di ignoti.

 

“Le indagini vanno avanti”, ha fatto sapere via Facebook una fiduciosa Laura Lamaletto, madre della vittima. Massimo riserbo dalla Procura, nessuna indiscrezione emerge oltre a quelle già note: nessuna traccia utile dentro la vettura del ragazzo, la Fiat 500 rossa ritrovata parcheggiata sul Lungomare, in via Mazzini a Pescara. Nessun elemento utile dai tabulati telefonici ma solo un Dna femminile sugli indumenti intimi del ragazzo. La donna in questione è sconosciuta né al momento è chiaro se sia o meno legata all’omicidio. Il Dna femminile isolato dai Ris farebbe propendere per la pista passionale, sebbene ad oggi non vi siano che pochi sporadici indizi.

Potrebbe interessarti anche: Omicidio Alessandro Neri news: nuove analisi terriccio e colpo di pistola, emergono novità investigative

delitto alessandro neri news

“Continuano ad indagare ed indagare. Vi chiedo soltanto di pregare per Ale. Per cercare la verità”, ha scritto mamma Laura, che ancora spera in una svolta investigativa. Alessandro Neri è stato giustiziato con due colpi di pistola. Uno al fianco e uno alla nuca. Era seduto sul corso d’acqua quando lo hanno ritrovato, indossava il cappuccio della felpa. Con chi era quella sera?

Nave Diciotti spariti 36 migranti accolti a Rocca di Papa, è giallo

Autostrade in tempo reale: traffico, incidenti, chiusure oggi giovedì 6 settembre 2018

Autostrade in tempo reale: traffico, incidenti, chiusure oggi giovedì 6 settembre 2018