in

Alessia Marcuzzi Facebook: la conduttrice è furiosa, ecco il suo post carico di indignazione

Alessia Marcuzzi interviene sul caso di Alatri, che ha visto vittima un 20enne picchiato a morte per futili motivi. Un presunto diverbio con un coetaneo per una bibita dentro una discoteca, e poi il violento pestaggio fuori dal locale messo in atto dal branco e ‘protetto’ da un muro di omertà che solo in queste ore le forze dell’ordine, che hanno tratto in arresto due dei nove indagati, stanno riuscendo a rompere.

>>> Alatri, 20enne ucciso a sprangate: ecco il vero motivo per cui è stato picchiato a morte <<<

Una storia di violenza gratuita, bruta, che vede coinvolti giovani poco più che 20enni, e che ha sconvolto l’opinione pubblica. Alessia Marcuzzi, dimenticando per un attimo il suo ruolo conduttrice, è sbroccata su Facebook, scrivendo un post accorato per dire la sua. Parla da madre, stavolta, la conduttrice de L’Isola dei Famosi, e mette a nudo la sua preoccupazione per cosa la società sta diventando, per la brutalità di sempre più frequenti delitti di cui molti giovani si macchiano, quasi senza nemmeno comprendere la gravità delle loro azioni.

Questo lo sfogo della conduttrice sul suo Facebook:

“Emanuele è morto a 20 anni… Ha cercato di difendere la sua fidanzata da un bullo ed è stato ucciso a sprangate dal branco. Ma in che mondo viviamo? Sono preoccupata, sono indignata, sono basita da tutta questa violenza. Abbraccio la sua famiglia e abbraccio forte Ketty, la sua fidanzata, che è sconvolta perché non ha potuto fare niente ed è rabbiosa con chi dice che Emanuele era una testa calda e che se l’è cercata: ma come si può dire una cosa del genere? Pare che tanta gente abbia assistito al massacro e si sia voltata dall’altra parte… Io non ci posso credere, io spero che ci sia una giustizia contro questa indifferenza. #emanuele #noallaviolenza #noalbullismo #noallindifferenza“.

Il pensiero di Alessia Marcuzzi va alla famiglia della vittima, alla fidanzata di Emanuele che ha assisitito al pestaggio mortale, durato circa quindici minuti, secondo quanto riferito dagli inquirenti, arco di tempo durante il quale nessuno dei presenti ha pensato di chiedere l’immediato intervento delle forze dell’ordine e porre fine a quellos scempio.

Seguici sul nostro canale Telegram

Gioco d azzardo, paolo crepet lo elogia e il codacond chiede la radiazione dall albo

Gioco d’azzardo: Crepet lo elogia, il Codacons “Radiatelo dall’albo”

Amici 16, Alessandra Celentano non ha dubbi: “Una 46 non può ballare”