in

Alex Schwazer doping, il marciatore a Verissimo: “Vi racconto la mia verità”

C’è solo una nota positiva in questa terribile estate 2016 per Alex Schwazer, marciatore altoatesino ritornato dalla squalifica per doping solo pochi mesi fa e messo nuovamente fuorigioco in vista delle Olimpiadi di Rio 2016: “Sì, diventerò papà ma non so ancora se sarà maschio o femmina”. Negli studi di Verissimo, ospite questo pomeriggio, Alex Schwazer ripercorre i suoi ultimi anni di carriera e quanto accaduto nelle ultime settimane: “Sono stato sicuramente incastrato e quello che adesso resta da capire è come e da chi. Questa cosa del DNA è buona per noi perché riusciremo a capire altre cose. Penso che, se si trovasse una qualsiasi cosa che non appartiene al mio fisico in queste urine, sarà la prova che c’è stato un complotto contro di me. Non sappiamo quando arriverà il test perché deve ancora essere fatto e lo farà la Procura di Bolzano. Si tratterà di una questione di qualche settimana. A quanto mi risulta le mie urine sono ancora in Germania, conservate nel laboratorio antidoping.”

>>> VERISSIMO TUTTE LE ANTICIPAZIONI DEL 24 SETTEMBRE 2016

ALEX SCHWAZER: “ECCO PERCHE’ AVREI VINTO A RIO 2016”

Il marciatore Alex Schwazer non ha assolutamente dubbi sulla sua innocenza, come dimostra negli studi di Verissimo, ospite di Silvia Toffanin:  “Sono innocente perché negli ultimi tre anni e mezzo ho pagato come nessun altro a causa del doping. Non solo a livello atletico, ma anche a livello personale e di immagine. Pochi atleti, se non nessuno, sono stati usati così come esempio negativo per il doping come me, dimenticandosi che io avevo già vinto prima senza doping. Sono innocente perché poi, quando ho ripreso, ho fatto tutto quello che adesso un atleta può fare per dimostrare la sua pulizia”. La rabbia di Alex consiste nella consapevolezza di poter vincere qualcosa alle Olimpiadi di Rio 2016. Secondo l’atleta azzurro non c’era motivo di doparsi perché: “Ho perso tantissimo. Se vuoi vederlo dal punto di vista sportivo non ne ho bisogno. I tempi che hanno fatto a Rio, li ho già fatti quando avevo 20 anni, li ho fatti adesso a 31 e li farò anche a 40. Sono tempi buoni ma non super tempi”.

>>> TUTTO SUL MONDO DELLO SPORT CON URBANPOST

ALEX SCHWAZER: “POTESSI TORNARE INDIETRO…”

Alex Schwazer, nella lunga intervista concessa a Silvia Toffanin nel salotto di Verissimo, annuncia come ormai sia prossimo all’addio al mondo dello sport: “Tra otto anni non ci sarò perché otto anni senza gare sono impossibili e io voglio anche voltare pagina. Fortunatamente a livello privato sto bene, ma a livello sportivo questa è una mazzata molto più grande di quella di quattro anni fa. Quattro anni fa ero colpevole, adesso non lo sono e mi hanno tolto tanto, per cui per forza devo staccare. Io sono squalificato per otto anni. Ora ne ho 31 e penso che già adesso, dopo tre anni, ho fatto un mezzo miracolo a tornare, quindi sì, non penso che ci saranno speranze. E poi non saprei cosa potrei fare di più dei controlli a cui mi sono sottoposto in questo anno.” E sul passato ammette come non avrebbe dovuto mai doparsi: “Sì non lo dovevo fare. Penso che ho rovinato tanto. Purtroppo a volte si sbaglia e non si può tornare indietro. Io cambierei tante cose e non le posso cambiare. Ho cercato di cambiarle in questo anno ma è andata così come è andata.”

Atp San Pietroburgo streaming

ATP San Pietroburgo 2016 programma 24 settembre: ora diretta tv, streaming gratis

Leroy Merlin lavora con noi 2016

Leroy Merlin lavora con noi 2016: posizioni aperte a Milano, Treviso e altre città