in ,

Alfonso Signorini e il titolaccio sul ministro Madia: “Ingiustificabile, ho sbagliato”

Ospite a “Che tempo che fa?” Alfonso Signorini, Fazio lo incalza immediatamente sul caso Madia e quel pasticciaccio brutto del gelato accompagnato da un titolo del tutto eccessivo e fuori posto il noto Direttore di Chi dichiara: “Era un titolo del tutto indifendibile, ci ho pensato. Era un titolo sbagliato, il gossip è di natura irriverente ma da qui a fomentare battute sessiste ne passa. Credo che se molte donne si sono sentite offese devo assolutamente fare ammenda. Se ho sbagliato credo che la mia onestà intellettuale mi imponga di scusarmi. Perciò mi scuso con tutte le persone che si sono sentite offese.”

Dopo la velocissima pubblica ammenda ci si tuffa immediatamente nell’autobiografia scritta dal noto giornalista di gossip che racconta della sua voglia di prendersi spazi dedicati alla meditazione e alla riflessione fuggendo in montagna, lontano dai lustrini e dalle pailettes dello showbitz. Signorini non rinnega nulla del suo percorso personale ma scopre il fianco e ricolloca quelle che sono le sue priorità.

Il cinquantenne parla di quanto la sua malattia abbia avuto la facoltà di modificare la sua percezione del valore della vita; come se da quel male fosse stato restituito alla vita con occhi nuovi. Occhi che luccicano a favore di camera lasciando intravedere tracce lasciate da quell’horror vacui che l’ipotesi di morire ancora giovane lascia addosso.

Fiaccolata Stefano Cucchi davanti al Csm

Stefano Cucchi “Accendiamo la verità”: fiaccolata a Roma davanti al Csm

4g+ connessione di rete

Huawei e TIM: promozioni internet mobile a 4G+