in

Alfonso Signorini: “Voglio un figlio ma sono troppo cattolico”

Prima o poi tutti nella vita sentono un vuoto dentro e presto o tardi l’esigenza di formare una famiglia propria e avere un figlio. È quello che sta attraversando il famoso giornalista Alfonso Signorini, che si trova ad un bivio a dir poco amletico: seguire il cuore o la fede? 

signorini studio 5

In un’intervista esclusiva pubblicata da Panorama, Signorini si lascia andare raccontando all’amico Piero Chiambretti la sua smodata voglia di diventare padre. Il problema dunque qual è? Semplicemente il fatto che il direttore di Chi, in quanto omosessuale dichiarato ma molto cattolico, si sente in difficoltà nei confronti della Chiesa.

Alfonso vorrebbe un figlio, insomma, ma prendere un utero in affitto oppure procreare al di fuori del matrimonio sono cose che lo bloccano terribilmente: “Mi manca un figlio, mia madre, una famiglia che faccia casino in questa casa. E credo che siano grandi mancanze. Ho pensato di fare un figlio ma è una questione complicata perché sono cattolico nell’animo per fede e convinzione“.

Venere di Warhol scoperta dopo 30 anni

Warhol e l’Amiga: senza limiti, è di nuovo tra noi con l’arte digitale

belen rodriguez e stefano de martino

Belen Rodirguez: mistero sull’abito da sposa non pagato