in ,

Alimentazione e allergia: novità sulla etichettatura degli alimenti

La nuova normativa europea sulla etichettatura degli alimenti ha stabilito che, entro il 2014, sulle etichette dei cibi confezionati dovrà essere obbligatoriamente  riportata una chiara dicitura che indichi la eventuale presenza di 14 allergeni tra cui il latte, crostacei e frutta a guscio. Una nota importante, messa in evidenza dall’Istituto Zooprofilattico di Piemonte, Liguria e Val d’Aosta presso il quale la Regione Piemonte ha istituito Crealia, Centro Regionale per Allergie e Intolleranze Alimentari diretto da Lucia De Castelli.etichette degli alimenti

L’invito rivolto ai cittadini è di prestare attenzione alle allergie alimentari, pericolose e sempre latenti, talvolta di improvvisa manifestazione anche in età adulta. Il Centro di ricerca, in virtù di un finanziamento del ministero della Salute, ha elaborato un metodo diagnostico veloce ed efficace per identificare la presenza degli allergeni negli alimenti, avvalendosi di nanosensori.

Tale sistema è a livello di prototipo, ancora in fase di sperimentazione, e si è dimostrato molto preciso nella rivelazione delle beta-lattoglobuline del latte, molto diffuse nel sistema alimentare. Questo test, per esempio, ha permesso l’identificazione di proteine del latte nel prosciutto sufficienti per scatenare una reazione allergica. Se la ricerca verrà ulteriormente finanziata, si potranno mettere a punto dei kit di facile impiego nelle mense scolastiche e aziendali finalizzate a scovare alimenti potenzialmente nocivi per chi è affetto da allergie.

 

 

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Anticipazioni Il segreto martedì 22 ottobre: l’incidente di Juan

30 anni harry regalo da mamma diana

Lady Diana incinta di Dodi Al-Fayed: la rivelazione choc dei medici