in ,

Alitalia, nel suo futuro gli arabi di Etihad: presto la stretta finale

Nel futuro della compagnia aerea nostrana Alitalia ci sono gli Emirati Arabi. La trattativa tra le due società è quasi giunta alla stretta finale e questa sarà una settimana cruciale che preannuncia grandi novità in vista. Proprio questa mattina l’amministratore delegato Gabriele Del Torchio, intervistato in esclusiva a “L’Economia Prima di Tutto” su Radio1 Rai ha rilasciato importanti dichiarazioni: “Siamo nella fase più importante della trattativa, che parte questa settimana con lo scambio di informazioni per redigere insieme il nuovo piano industriale di Alitalia all’interno della logica Etihad, per mettere in sicurezza l’azienda e guardare con serenità al futuro.Alitalia

In merito alle indiscrezioni di stampa che circolano da giorni, ha poi detto: “Tra poche ore firmeremo il contratto di finanziamento con le banche e doteremo Alitalia di ulteriori mezzi finanziari, sono soddisfatto”. Anche il premier Enrico Letta stamani da Abu Dhabi ha confermato la sua certezza sul buon esito della trattativa con Ethiad, dichiarando che le banche “faranno la loro parte”. Del Torchio, sempre ai microfoni di Radio 1, si è detto ottimista anche sul fronte della trattativa con i sindacati, che sta andando avanti dopo che l’azienda ha ritirato la proposta di cassa integrazione a zero ore. La discussione con i sindacati quindi continuerà, anche perché da parte loro e di tutti i dipendenti Alitalia vi è una grande disponibilità a trovare un punto di incontro ed accordo, sottolinea Del Torchio.

Alitalia vuole diventare solida e competitiva e nei prossimi 30 giorni entrambe le compagnie e i loro advisor stabiliranno come sviluppare una strategia comune per raggiungere gli obiettivi che i due vettori si sono prefissati. Sul tavolo della trattativa la definizione di un piano industriale e strategie finanziare più convenienti per entrambe, al fine di produrre “una redditività sostenibile per Alitalia”.

 

 

 

Sondaggi elettorali 2014: avanti il centrodestra se alleato con l’Udc

Anticipazioni Terra! 3 febbraio, i giovani e il lavoro precario