in

Allarme Cannabis: scoperte conseguenze più gravi

La Cannabis è una delle piante psicoattive più diffuse tra i giovani: da circa il 19%  nel 2011 il consumo di Cannabis è aumentato di  più del 21% tra i giovani italiani. Dati davvero allarmanti, date le nuove scoperte circa i gravi danni che essa provoca. Molti, però, fanno confusione tra la Cannabis e le altre droghe in circolazione. Innanzitutto la Cannabis è una pianta originaria dell’Asia, utilizzata in principio come erba medica, per poi diventare, negli anni ’40 illegale in quasi tutte le nazioni del mondo. La Cannabis può essere sia fumata, tramite apposite sigarette dette spinelli o particolari tipi di pipa come cilhom o bong, ma può essere anche ingerita mischiandola con diversi alimenti e le dosi per “prepararla” variano da 0,25 a 0,50 grammi.

allarme cannabis

Quanto alle sostanze contenute particolare attenzione deve essere prestata alla molecola THC, il delta 9 tetraidrocannabinolo: esso, infatti, ostacola la normale regolazione dell’attività nervosa, alterando lo sviluppo cerebrale, con una riduzione del quoziente intellettivo. Ciò accade perchè il THC è simile ai neurotrasmettitori naturali del cervello e si lega ai recettori di questi, impededogli di svolgere la loro funzione di regolazione dell’eccitabilità dei neuroni. Così i neuroni sono troppo eccitati e non sono più sotto controllo.

Solitamente si crede che gli effetti della Cannabis siano temporanei e che il senso di sballo che essa trasmette si estingua nel giro di circa due ore, se fumata, o di cinque o sei, se ingerita. In realtà è solo la sensazione di euforia a sparire, ma il cervello, una volta consumata la Cannabis, conserva segni indelebili, tanto più marcati quanto più giovane è l’età in cui il consumo è iniziato. Non è solo la diminuzione del QI l’unica conseguenza di cui il consumatore risentirà da adulto, dato che questi dovrà fare i conti con schizofrenia e un aumento alla propensione verso la depressione. Insomma, se è vero che non è mai stato registrato alcun caso di decesso per consumo esclusivo di Cannabis, non è solo un pò di malsana euforia l’unica manifestazione di questa diffusissima droga. I suoi effetti vanno molto al di là di questo, anche se visibili solo a lungo termine.

Campagna Wiesenthal: alla caccia degli ultimi nazisti ultranovantenni

george royal baby

Associazione genitori cattolici italiani contro i Tg: “Basta Royal baby, siete gossippari”