in

Allarme meningite, sintomi: ecco come difendersi

E’ oramai allarme meningite dopo che, insieme alla ragazza tornata dalla Gmg, anche un 45enne che si trovava nel milanese è stato colpito da meningite ed è ora in coma: nonostante la paura, conoscere i sintomi è fondamentale per imparare a difendersi.

E’ di queste ore la notizia di un rappresentante di origine comasca che, in trasferta nel milanese, si è sentito male nella stanza dell’affittacamere di cui era ospite: trasportato subito in ospedale, gli è stata diagnosticata la meningite ed è ora in coma. Ma come difendersi? Esiste innanzitutto il vaccino ma solo quello per la variante C è completamente gratuito in Italia: per la variante di tipo B, quella che colpisce i bambini, il vaccino è stato introdotto nel piano nazionale solamente da due anni e, infine, per le varianti W e Y il vaccino è facilmente acquistabile. I vaccini, però, non hanno un’efficacia immediata: tutti hanno necessità di tre/quattro settimane prima di essere attivi ma, in generale, hanno una durata “a vita”, soprattutto se fatti in tenera età. L’unica eccezione è il vaccino per la variante W e Y che ha una durata di circa 10 anni.

“Il batterio non sopravvive nell’ambiente, il contagio avviene solo con le goccioline di saliva. Dunque, attenzione agli incontri ravvicinati e attenzione a non scambiarsi i bicchieri nelle discoteche” spiega il virologo Fabrizio Pregliasco parlando delle accortezze da prendere per prevenire la comparsa della meningite. Ma quali sono i sintomi della malattia? Rigidità della nuca, mal di testa molto forte e senso di confusione sono i primi campanelli d’allarme: in questi casi è bene recarsi subito al Pronto Soccorso poiché la tempestività rimane ancora l’ultima arma per limitare i danni della meningite.

Uomini e Donne i nomi dei nuovi tronisti

Uomini e Donne anticipazioni: ecco quando verrà registrata la prima puntata

Jamie Dornan film, tutti i progetti del Christian Grey di 50 Sfumature di Nero