in ,

Allattamento al seno o artificiale? I pro e i contro dei due metodi

Tra le prime questioni che si pongono le neomamme alla nascita dei loro figli è se seguire l’allattamento al seno oppure il metodo artificiale. Per molte non c’è scelta poiché non hanno montata lattea ma alla maggior parte, almeno per i primi mesi, si presenta ma non sempre si tratta di un processo semplice. Il bambino non si attacca, la formazione di ragadi, il latte non è sufficiente per tutti i pasti e quindi il bambino non si nutre a sufficienza e si è costrette a integrare con il latte artificiale. Qual è allora la scelta più corretta e più giusta sia per la mamma che per il bambino?

Ovviamente l’allattamento al seno dovrebbe essere il metodo più naturale e positivo possibile; se però per i vari motivi elencati sopra esso diventa difficoltoso, invece di legare emotivamente madre e bambino, può diventare fonte di stress inutile per entrambi. Certamente il latte materno è il più naturale per il bambino ma un buon latte artificiale può essere d’aiuto se quello materno non si presenta nella maniera corretta.

Inoltre si ricorda che il latte materno è adatto all’alimentazione esclusiva del bambino fino a un massimo di sei mesi (ecco infatti i pareri discordanti di due fonti sulla durata). L’alimentazione e le abitudini della madre sono molto legate al latte materno e, se non si presta attenzione evitando il fumo, l’alcool ma anche cibi spazzatura o caffeina, si rischia di influenzare il neonato. Non c’è quindi nessuna controindicazione nell’utilizzare il latte artificiale, ovviamente prestando le dovute attenzioni nella scelta e nella somministrazione dopo aver sterilizzato biberon e tettarella.

Credit Foto: FamVeld / Shutterstock

batman v superman trailer, batman v superman film, batman v superman dawn of justice, batman v superman trama,

Batman vs Superman trailer: in arrivo nei cinema un’epica battaglia tra supereroi

omicidio pordenone news

Omicidio Pordenone news profilo Facebook segreto: Giosuè stalker di Teresa?