in ,

Allergie e intolleranze alimentari cause: un chilo di additivi consumati ogni anno

Gli esperti riuniti al congresso nazionale della Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (SIAAIC), a Napoli fino al 17 aprile, si stanno occupando anche di alimentazione e in particolare di allergie alimentari. Hanno infatti affermato che gli italiani, compresi anziani e bambini, ogni anno consumano un chilo di additivi alimentari, ovvero oltre 3 mila sostanze che sono ritenute una delle cause delle allergie alimentari, sensibilmente in aumento negli ultimi anni.

Per additivi alimentari si intendono tutte quelle sostanze, circa 360 se si considerano solo conservanti, stabilizzanti e coloranti che arrivano fino a 3000 considerando anche gli aromi, “estranee” e aggiunte al cibo. Considerando che gli allergici o gli intolleranti sono sensibilmente in aumento (al momento circa 100000 persone), sarebbero meglio secondo Giorgio Walter Canonica, presidente SIAAIC, evitare gli additivi e il metodo migliore per farlo “è consumare prevalentemente cibi freschi e se possibile di coltivazione biologica”.

Ad ogni modo si ricorda che tutti gli additivi alimentari devono essere chiaramente indicati sulle etichette degli alimenti, così che coloro che hanno una specifica sensibilità o ritengono di averla possono facilmente evitare qualsiasi additivo che possa costituire un potenziale problema alla propria salute. Tra le allergie alimentari più comuni infatti ci sono quelle ai coloranti, ai solfiti ma anche al nichel.

Credit Foto: Tiger Images / Shutterstock

“Terra 2” il nuovo brano di Attilio Fontana e Clizia Fornasier: intervista esclusiva

canone rai, canone rai 2016, canone rai bolletta, canone rai 2016 in bolletta, canone rai ultime notizie, canone rai 2016 consiglio di stato,

Canone Rai 2016: il Codacons lancia petizione online contro l’inserimento in bolletta