in

Allergie primaverili 2013, come contrastarle con rimedi naturali

Come cercare di arginare questi fastidi nel modo più naturale possibile? Ricorrere agli antistaminici è semplice ma come ogni farmaco, anche questi hanno numerosi effetti collaterali, dai più lievi come tosse o nausea ad altri disturbi più gravi come aritmie o disturbi epatici.

polline

Perciò come provare a combattere i fastidi legati alle allergie primaverili? Anche attraverso l’alimentazione: l’evitare determinati alimenti e il prediligerne altri infatti, sicuramente può esserci d’aiuto. E’ stato infatti osservato che introducendo alcuni cibi, in particolare frutta o verdura, sono in molti ad avvertire fastidiosi pruriti al palato o gonfiore alle labbra.

In particolar modo è stato reso noto che se si è allergici alle Parietarie bisogna evitare di introdurre alimenti come melone, gelso, piselli, basilico. Se si è allergici alle Graminacee invece, sarebbe meglio non mangiare pomodori, anguria, prugne, mandorle, kiwi, pesche e agrumi.

Chi è allergico alle Betulacee invece deve evitare banane, mele, finocchi, pesche, pere, noccioli, patate, sedano e carote. Inoltre limitare lo stress ed astenersi dal fumo può sicuramente aiutarci nel combattere i fastidi provocati dalle allergie.

Seguici sul nostro canale Telegram

senato grasso lascia gruppo pd

Grasso in diretta a Piazza Pulita (La 7), Travaglio rifiuta l’invito

Styloola, l’app della moda: cos’è e come funziona