in ,

Allerta terrorismo, Alfano su accordo UE: “Sì alla registrazione dei dati passeggeri”

Dalla strage di Parigi, l’allarme terrorismo si è fatto sempre più intenso, tanto che tutte le forze dell’Unione Europea vengono utilizzate, per lo più, per difendere i paesi europei, in modo particolare quelli più a rischio, tra i quali, purtroppo, l’Italia è presente. Il ministro Angelino Alfano ha riferito quanto discusso tra i 28: l’accordo dell’UE si concentra sulla possibilità di registrare i dati dei passeggeri.

Alfano fa sapere che l’UE ha fatto il punto della situazione, ma bisognerà attendere fino al 15 dicembre, affinché si concluda definitivamente l’accordo sulla direttiva Pnr “L’accordo per la registrazione dei dati dei passeggeri riguarda i voli intraeuropei” spiega Alfano che specifica “è stato raggiunto tra governi europei, non in base ad un accordo tra istituzioni europee”. L’accordo tra i 28, nello specifico, “prevede la possibilità per le polizie di avere in chiaro i nomi dei passeggeri, con l’obbligo per le compagnie aeree di tenere archiviati le indicazioni anagrafiche ed una serie di dati molto importanti”.

Quanto affermato da Alfano è un esempio di come l’UE stia rispondendo alla minaccia del terrorismo che, al momento, dilaga soprattutto tra Italia, Francia e Gran Bretagna. Tuttavia, aggiunge Alfano, “è chiaro che di fronte alla sfida terroristica, non ci si può accontentare. Bisogna spingere sempre di più sulla cooperazione di polizia, giudiziaria e tra le intelligence europee”.

Capodanno 2016 offerte

Capodanno 2016: offerte low cost in Italia per spendere poco e divertirsi

figlio dal proprio padre

Ha un figlio da suo padre a 18 anni per scelta: “Voglio crescerlo con lui, perché me lo impedite?”