in ,

Alluvione Refrontolo: la Procura apre un’inchiesta

La Procura di Treviso ha aperto un’inchiesta per far luce su eventuali responsabilità dei danni causati dalla terribile alluvione che, nella tarda serata di sabato 3 agosto, ha colpito la zona di Refrontolo, nel Trevigiano. Si indaga per i reati di disastro e omicidio colposo plurimo. A rendere nota la notizia, il pm Laura Reale, che in un’intervista rilasciata ad Antenna Tre Nordest, ha precisato: “Il fascicolo è a carico di ignoti perché bisognerà fare una serie di accertamenti anche relativi alla tenuta del luogo, che è competenza di più comuni. Dovremo fare tutte le verifiche tecniche del caso con esperti che stiamo individuando”.

L’inchiesta prevede di chiarire in quale misura i danni conseguiti alla violenta bomba d’acqua siano da considerarsi una “calamità naturale” o l’inevitabile conseguenza della antropizzazione del territorio unita ad una inefficiente messa in sicurezza idrogeologica.

Marco Tardelli difende Tavecchio

Carlo Tavecchio, Marco Tardelli lo difende: “C’è un disegno contro di lui”

vespa uguale al duce

Alessandra Mussolini insiste sul fatto che Vespa sia figlio illegittimo del Duce