in

Alzheimer: i 7 fattori di rischio da conoscere per prevenire la malattia

La rivista scientifica britannica The Lancet, pochi giorni fa, ha riunito una commissione scientifica allo scopro di individuare quali siano i fattori di rischio più rilevanti quando si parla di Morbo di Alzheimer. Il rapporto è stato pubblicato da alcuni giorni  dall’Alzheimer Association International Conference di Londra. L’obiettivo, dunque, è quello di far conoscere a più persone possibili questi fattori di rischio.

Secondo gli studi, infatti, conoscere i fattori di rischio rilevanti del Morbo di Alzheimer può aiutare fino a una persona su tre nella prevenzione della malattia. Tra questi fattori, ovviamente, non possono mancare il tabacco e l’alcool che da sempre sono veicoli di patologie molto aggressive e spesso mortali. In altri casi contribuiscono allo sviluppo di patologie neurodegenerative come, appunto, l’Alzheimer. Secondo le stime, il numero di malati potrebbe triplicare entro il 2050 ed è quindi necessaria una corretta informazione.

I fattori di rischio che possono dare luogo alla patologia, esclusi tabacco e alcool che già conosciamo e malattie croniche come il diabete, sono fondamentalmente sette: il basso livello d’istruzione, il calo dell’udito, l’obesità, la depressione, l’ipertensione, poca attività fisica e scarsa vita sociale. Dunque, è bene tenere sotto controllo questi fattori di rischio, afferma la comunità scientifica, poiché possono fare davvero la differenza.

Seguici sul nostro canale Telegram

Caso Charlie Gard, no cure usa

Caso Charlie Gard: minacce ai medici del bimbo, rispondono i genitori

Nino Frassica malore, arriva la rassicurazione per tutti i fan: “Sto bene come un leone, bevete caldo”