in

Alzheimer, a Monza nasce il primo villaggio dedicato a malati e famiglie

Rivoluzione per i malati italiani di Alzheimer e per le loro famiglie: a Monza, infatti, nascerà il primo villaggio specializzato nella cura di questo morbo grazie anche all’utilizzo di alcune delle tecnologie più avanzate al mondo.

Si chiamerà “Il Paese Ritrovato” e sarà un vero e proprio villaggio urbano dedicato ai malati di Alzheimer ma anche alle loro famiglie che, sempre più spesso, vengono lasciate sole nella cura e nell’assistenza del proprio caro: “sarà un luogo in cui le persone affette da varie forme di demenza e sindrome di Alzheimer, i familiari, gli operatori e i volontari saranno liberi di muoversi, curare la propria casa, riposare, fare la spesa o andare dal parrucchiere, proprio come accade per ciascuno di noi ogni giorno. Il tutto con una supervisione attenta e mai invadente” ha spiegato Mariella Zanetti, geriatra della coopertiva La Meridiana che avrà il compito di gestire il villaggio.

“Bisogna proporre modelli di cura in grado di migliorare la qualità della vita e al tempo stesso ridurre i costi per la comunità. Attualmente, il sistema di cura delle forme di demenza per gli anziani presenta un grande vuoto, perché si passa direttamente dal domicilio alla Rsa, la Residenza Sanitaria Anziani. Non ci sono soluzioni intermedie. La persona con demenza ha bisogno di muoversi liberamente, di dar sfogo alla propria energia fisica, che si traduce in un desiderio disperato di vivere la quotidianità e di lottare contro la malattia, che è principalmente mentale” ha spiegato invece Roberto Mauri a proposito di questo metodo rivoluzionario e innovativo per la cura dell’Alzheimer: secondo alcune stime, infatti, la malattia sta progredendo così velocemente che viene scoperto un caso nuovo ogni 4 secondi, fattore che porterà un altissimo incremento di spese per la sanità.

NOUGAT

Aggiornamento Android 6.0 Marshmallow, 7.0 Nougat Samsung Galaxy Note 4, Note Edge, Nexus 5X e 6P: download link MMB29M.N910AUCU2EPH5 e MMB29M.N915AUCU2DPH5

Daniele Parisi, Orecchie: intervista al Miglior attore emergente di Venezia 73