in ,

Alzheimer e morbo di Parkinson: nuovi farmaci che impediscono la morte delle cellule

Buone notizie dall’Inghilterra, dove un gruppo di scienziati ha aperto la strada a nuovi farmaci per la cura non solo dell’Alzheimer, ma anche del morbo di Parkinson e di altre malattie neurologiche. “Questa scoperta immagino verrà giudicata dalla storia come un punto di svolta nella ricerca di medicine per il controllo e la prevenzione del morbo di Alzheimer” ha dichiarato il professor Roger Morris del King’s College di Londra.

alzheimer2

Sulla rivista Science Translational Medicine si legge che tutto dipende da un’appiccicosa proteina “piegata male”. Test effettuati sui topi hanno dimostrato che non sono queste proteine “storte”, di per sé, a uccidere le cellule del cervello: queste muoiono perché, nel tentativo di proteggersi, smettono di produrre proteine, alcune delle quali vitali. Con i topi i ricercatori sono riusciti a riattivare la produzione delle proteine, mettendo dunque un freno alla malattia.

Giovanna Mallucci dell’Università di Leicester ha condotto la ricerca. “I topi trattati erano completamente protetti. E, cosa più sorprendente, anche i loro cervelli erano protetti”, ha affermato. Gli effetti collaterali si questo esperimento sono però pesanti e ci vorrà almeno un decennio prima di fare delle prove sull’uomo. Tuttavia, le parole di Morris trasmettono speranza: “E’ la prima prova convincente di come una sostanza, che molto facilmente può divenire un farmaco, possa impedire la progressiva moria dei neuroni del cervello”.

Seguici sul nostro canale Telegram

Due nuove mostre alla Collezione Maramotti di Reggio Emilia

hercules-the-thracian-wars

Il Cinema Cerca Eroi: Hercules The Legend Begins e The Thracian Wars