in

Amici 13 anticipazioni: tanti preparativi per la puntata di sabato 7 dicembre

La classe di Amici 13 pare essersi formata. Anzi, no. Si attende ancora che, sabato prossimo, 7 dicembre, venga assegnato l’ultimo banco disponibile tramite il concorso Fanta, lo stesso concorso con cui entrò nel talent di Maria De Filippi, l’anno scorso, l’amatissimo ballerino Pasquale Di Nuzzo. Nel frattempo, però, i nuovi talenti, già pronti a darsi battaglia per la vittoria finale, hanno iniziato a vivere appieno la scuola in cui sognavano di andare già da tempo e a prepararsi per sabato e tramite la pagina ufficiale su Facebook si possono spiare parte dei preparativi.

anticipazioni amici 13

In una delle foto postate, scatto che ha ottenuto ben 1459 mi piace, 44 condivisioni e circa 80 commenti, si vedono tutti i cantanti schierati in studio con alle spalle i relativi banchi. Cosa stavano facendo? Secondo i commentatori più esperti, ma non è difficile capirlo, il momento immortalato riguardava una delle prove della sigla iniziale del programma. Di quale canzone si tratterà? Dopo Gigi D’Alessio, Gianni Morandi ed il remix dell’anno scorso, su quali note si apriranno le puntate del sabato di Maria De Filippi? Riusciranno ad andare tutti a tempo e ad essere intonati, visto che la sigla, vero e proprio biglietto da visita, è sempre stata pesantemente criticata a causa delle varie stonature?

In un’altra fotografia, invece, dove la didascalia recita: “il buongiorno si vede dal mattino, tutti a lezione”, si vedono alcuni ballerini intenti a preparare una coreografia. Sarà qualcosa da adattare alla musica della sigla o la prima esibizione davanti al pubblico in studio?  Insomma mentre fervono i preparativi, la curiosità degli affezionati telespettatori e dei nuovi sostenitori dei vari ragazzi cresce sempre di più.

Seguici sul nostro canale Telegram

Trono Over Elga e Guido

Anticipazioni Uomini e Donne: ripensamenti e rotture del Trono Over

Gianluigi Paragone

“La Gabbia” 4 dicembre: “Europa e Tasse” lo scetticismo del commissario europeo Olli Rehn e le parole del Presidente della Repubblica Napolitano