in

Amici 13 parlano gli ultimi eliminati: i Carboidrati e Oscar

Usciti dalla quarta puntata del Serale di Amici 13, in onda ieri, sabato 19 aprile, fra le polemiche, con Moreno, coach della squadra dei Bianchi, visibilmente agitato, ed i compagni d’avventura con le lacrime agli occhi, i Carboidrati, ed il loro leader, Pasquale, hanno concesso un velocissimo commento ai microfoni di Witty tv che li ha raggiunti dietro le quinte della trasmissione di Canale 5. La band, finita al ballottaggio insieme a Lorenzo e a Paolo, ha fatto capire a tutti di essere ben convinta che nulla è finito. Seppur visibilmente dispiaciuti, e forse un po’ anche arrabbiati, Pasquale ed i suoi non hanno fatto vedere scorrere alcuna lacrima annunciando che non era proprio il caso di piangere.

Amici 13

Al contrario, invece, il ballerino dei Blu, Oscar, uscito nella seconda manche, dietro le quinte si è lasciato andare che dopo il saluto del direttore artistico del programma e dei ballerini professionisti, ancora visibilmente commosso, ai microfoni di Witty, ha ringraziato tutti dimostrando, però, di essere parecchio dispiaciuto che tutto sia finito così bruscamente perché si sentiva parte di una vera e propria famiglia e con i compagni di squadra era riuscito a stringere un forte legame.

Il bravissimo ballerino di danza classica su cui Miguel Bosè è pronto a scommettere che pioveranno diversi contratti da prestigiose compagnie di danza, sopraffatto da ciò che avveniva intorno a lui, ha annunciato di aver compreso che per lui nulla è finito, anzi, che tutto potrà solo iniziare ora dimostrandosi sicuro del fatto di non aver perso nulla e, a suo modo, di aver comunque vinto il talent grazie a tutte le cose apprese e alle persone conosciute. Tutte esperienze che hanno arricchito notevolmente il suo bagaglio e lo hanno fatto crescere sia umanamente che artisticamente.

Tablet usati da bambini

GB, pediatri lanciano allarme: bimbi esperti di tablet ignorano gioco delle costruzioni

Italia

Fabio Cannavaro non la smette di vincere e conquista l’Arabian Gulf Cup contro Walter Zenga