in ,

Amici 15 anticipazioni Serale 16 Aprile: la crisi della Squadra Blu e la rabbia di J-Ax

La crisi della Squadra Blu di Amici 15 non accenna ad arrestarsi. La puntata del Serale del 16 Aprile 2016, una puntata già registrata, darà il colpo finale alla Squadra di Nek e J-Ax? Forse sì, ma i Blu dovranno trovare il modo di rialzarsi. Per ora, anche se le anticipazioni sono già uscite settimana scorsa, su Real Time sta andando in onda il riassunto di una settimana di crisi, il riassunto di una settimana di errori in cui J-Ax e Nek parlano con i loro ragazzi dopo aver visto le prove della Squadra Bianca e J-Ax esprime tutta la sua rabbia e la sua consapevolezza di avere in mano un pugno di mosche. Nonostante Sergio e la sua Alleluja, tutto il resto sembra non avere mordente, non diffondere le emozioni giuste. Dopo la puntata del Serale di Amici 15 che ha visto l’uscita di Patrizio, puntata andata in onda settimana scorsa, la settimana di crisi culminerà con l’uscita del cantante Cristiano nella puntata di domani sera, una puntata in onda quando, però negli studi Mediaset se ne registrerà già una nuova.

Con chi se l’è presa di più J-Ax? Manco a dirlo proprio con Cristiano. Prossimo eliminato. La voglia del cantante di cambiare canzoni e di decidere cosa cantare in autonomia non è piaciuta ai due direttori artistici che a quanto pare non riescono a trovare la chiave giusta per gestire il talento scelto qualche settimana fa e portato al Serale di Amici 15 senza, forse, i dubbi sopraggiunti ora, dopo averci lavorato insieme.

La crisi dei Blu, però, dalla puntata di Amici 15 di oggi su Real Time, pare non essere solo artistica – professionale. Alcuni dei componenti sono entrati in crisi anche a livello personale. Sergio Sylvestre, il gigante buono del talent di Maria De Filippi, ha fatto un bruttissimo incubo e non ha smesso di pensare a sua madre e di sentirsi in colpa.

canone rai in bolletta

Canone Rai in bolletta, Consiglio di Stato boccia decreto: “Da correggere”

mostra mucha roma art nouveau

Mostre, a Roma arriva l’Art Nouveau di Alphonse Mucha: al complesso del Vittoriano un ritratto della Belle Époque