in

Amici 15, il cantante Sergio in lacrime: “Era tutto per me”

Sergio Sylvestre è tra i concorrenti più amati di Amici 15. Con la sua voce imponente e il suo grande talento artistico il ventiquattrenne ha conquistato il cuore dei telespettatori, ma anche quello di Belen Rodríguez facendo così provare forte emozioni a moltissimi fan. Il gigante buono del talent di Maria De Filippi, però, nella fascia pomeridiana andata in onda oggi su Real Time, è stato immortalato in un momento di sconforto. Il giovane ha preoccupato tutti i suoi fan perché dopo aver cantato un brano davanti ad Alex Braga ha abbassato lo sguardo, lasciandosi a un pianto di commozione.

Il nuovo professore di canto ad Amici 15 non ha esitato a chiedere a Sergio Sylvestre il motivo di tale reazione e quest’ultimo gli ha confidato:“Ti racconto la storia velocemente perché non voglio pensare troppo. Questa settimana è il mio compleanno e ogni compleanno è difficile per me. Tu pensi che devi festeggiare, che devi essere felice perché è trascorso un altro anno. Io, però, avevo uno zio che per me era come un fratello, anzi un padre. Lui era tutto per me” aggiungendo:“È morto di cancro due giorni prima del mio compleanno, quindi ogni anno ho quel ricordo. Lo so, ho 24 anni e mi dico che dovrei finalmente lasciarlo andare, ma ci sono rimasto troppo male perché per me lui era veramente tutto. Io ero piccolo, non riuscivo a capire. Quando andavamo in ospedale pensavo fosse normale. Una settimana prima della morte, mi ha chiesto di fargli una promessa. Mi ha detto: “Sergio, promettimi che non piangerai. Promettimi che sorriderai sempre perché mi piaci quando lo fai”. Io dissi: “Certo, perché dovrei piangere”. Io ero piccolo, non sapevo. Ho sempre questo dolore perché l’ho lasciato. Mi sento un po’ in colpa perché non ero abbastanza maturo da dirgli ciao”.

Purtroppo questa figura tanto importante per Sergio è venuta a mancare. Alex Braga ha cercato di consolare l’alunno di Amici 15 ricordandogli che ha un enorme talento e che grazie alla musica può rompere tutte le barriere:“Con la musica puoi interrompere la quotidianità e riuscire a connettere chi ti ascolta con l’assoluto e quindi anche con quelli che non ci sono più. Con la musica puoi dirgli ‘Ciao’. Ora ti posso abbracciare?”

Sciopero Trenitalia 23-24 luglio 2016

Sciopero dei treni revocato: 8 e 9 dicembre 2015 trasporti regolari

guerrina piscaglia ultime news

Guerrina Piscaglia: domiciliari con braccialetto elettronico per padre Gratien