in

Amici 16, Alessandra Celentano non ha dubbi: “Una 46 non può ballare”

Alessandra Celentano torna a far parlare di sé. Dopo le polemiche con Agata Reale per il collo del piede e con Susy Fucillo per gambe tozze, la protagonista di Amici 16 si sofferma sui chili di troppo sulla pista da ballo. Come noto, nelle ultime settimane si è molto chiacchierato sulla ‘querelle’ con Vittoria Markov.  Ed è così che Alessandra Celentano, ai microfoni di Oggi, non le manda a dire. Anzi, prima sottolinea come lei reciti il ruolo di cattiva ma che: “Il mio atteggiamento venga spesso frainteso. Credo di essere più buona di tanti altri lì dentro, magari per mancanza di coraggio convenienza non di cono quel che pensano. Io faccio il bene degli alunni. Li metto alla prova perché sappiano con che mondo si dovranno confrontare fuori da Amici.”

—> TUTTO SU AMICI 16 

Ma chi può ambire a una carriera da danzatrice? Per Alessandra Celentano non ci sono dubbi: le 46 sono escluse dal mondo della danza. “Una taglia 42 già va bene per la danza, l’importante è che non sia 46, 48 o 50. Dipende da quello che fa ma, soprattutto, dal tipo di fisicità. Ci può essere una ragazza armoniosa che comunque ha le proporzioni e le doti giuste e una invece la cui l’armonia non si sposa con la danza.” per la coreografa milanese non si tratta di essere cattivi: “Dico solo ciò che penso, il ballo richiede delle caratteristiche specifiche, anche estetiche.”

—> QUELLO CHE DEVI SAPERE SU ALESSANDRA CELENTANO

Poi, però, Alessandra Celentano ai microfoni di Oggi ammorbidisce la sua linea: “Ci sono delle eccezioni: esistono delle ballerine che non soddisfano il mio gusto estetico ma hanno un talento così cristallino da far dimenticare qualsiasi difetto. Dipende anche dal tipo di danza.”

Seguici sul nostro canale Telegram

ALESSIA MARCUZZI TAPIRO

Alessia Marcuzzi Facebook: la conduttrice è furiosa, ecco il suo post carico di indignazione

Attacchi di panico i consigli degli psicologi per affrontarli correttamente

Attacchi di panico: cosa fare per combatterli secondo gli psicologi