in

Anastacia rimanda il “Resurrection Tour”: rinviate le date italiane

Anastacia è stata costretta a cancellare tre delle quattro date del suo tour italiano, intitolato “Resurrection Tour”, dal nome del suo ultimo album. Tutte le serate erano, ovviamente, sold out ma la cantante ha visto peggiorare in fretta una pesante laringite, già presente durante la serata al Fabrique di Milano dello scorso 27 ottobre. Perciò Anastacia ha deciso di riprogrammare i concerti cancellati, previsti a Roma il 29 ottobre, Firenze il 30 e Padova il 1 novembre e persino quello di Milano.

colpa di una laringite

“Dopo aver dovuto rinviare le date del tour italiano dopo uno spettacolo molto emozionante a Milano sono veramente addolorata di dover dire a tutti voi che devo per forza, su istruzioni del mio medico,  spostare il resto del mio tour europeo. Ho cercato di fare tutto quanto in mio il potere per salvare la mia voce e continuare con gli spettacoli, come previsto, ma le istruzioni dei medici sono che non sarò in grado di cantare per le prossime 3 o 4 settimane. Questo purtroppo non ci dà abbastanza tempo per riprogrammare le date di questa parte dell’anno a causa delle vacanze di Natale e la disponibilità delle strutture. Milano … sto tornando per te! Con la voce !!! ero devastata all’idea di non poter dare a voi ragazzi la vera RESURRECTION, ci vediamo  presto … come avete detto voi ragazzi “Sono troppo dura da rompere”… e allora grazie, grazie, grazie. Mi sento così in colpa di dover farvi aspettare ancora ma il “RESURRECTION TOUR 2015” sarà ancora più grande e migliore che mai. Vi amo tutti”.

Queste le parole dell’artista, fortemente commossa dall’affetto e dal sostegno mostrato dai suoi fan durante l’esibizione al Fabrique. Ecco le nuove date del tour: 11 gennaio  ROMA Auditorium Parco della Musica, 12 gennaio FIRENZE – ObiHall, 14 gennaio MILANO  Fabrique, 15 gennaio PADOVA – GranTeatro Geox.

Lucca Comics, dove si inventano i videogiochi del futuro

Massimiliano Allegri e Gloria Patrizi fidanzamento al capolinea: si sarebbero detti addio