in

Anche Genova dice sì alle unioni civili, ecco il registro

Da oggi anche Genova, dopo Napoli, Firenze e Milano, ha il suo registro amministrativo per le unioni civili; la delibera che permette la registrazione delle unioni, omosessuali e non, è stata approvata ieri in tarda serata nel Consiglio Comunale cittadino (quasi nove ore di dibattito) con 27 voti favorevoli della maggioranza composta da PD, Sel e dalla lista civica del Sindaco Marco Doria con l’appoggio del Movimento 5 Stelle, 11 quelli contrari con 2 astenuti.

marco-doria

Il registro contiene le norme per parificare le coppie di fatto conviventi a quelle sposate (a breve si potranno vedere i primi sì di coppie di fatto negli uffici comunali). Il regolamento non tutela nessun diritto nè dovere (spetta alla legislazione statale) ma disciplina in modo diverso i rapporti delle coppie di fatto nell’erogazione dei servizi della civica amministrazione. Si potranno iscrivere al registro “due persone maggiorenni non legati da vincoli di matrimonio, parentela o affinità residenti e coabitanti nel comune di Genova“.

Soddisfazione del primo cittadino genovese Marco Doria (che vinse le primarie del centrosinistra battendo a sorpresa le candidate del Pd Pinotti e Vincenzi): “Il Consiglio Comunale realizza uno degli impegni programmatici della maggioranza e della giunta, al termine di un percorso di confronto e discussione ampio e partecipato. Si tratta di una decisione di grande valore civile. Si riconoscono infatti diritti di persone e legami presenti e diffusi nella nostra società. Ritengo che tali temi debbano essere affrontati anche a livello legislativo“.

Mentre la maggioranza è convinta di aver risposto alle esigenze della nuova società è invece forte il dissenso dal principale partito d’opposizione, il Pdl: ” E’ solo una bandierina politica per coprire l’inconcludenza di questa giunta rispetto ai veri problemi della città – così la capogruppo Lilli Lauro – Il registro è aria fritta, non serve a nulla e danneggia la famiglia“.

18 giugno 2013, nuova riforma dei condomini

Come cambiare operatore energetico, modalità e tempi