in

Ancona, 6 morti in discoteca al concerto di Sfera Ebbasta: tutti gli aggiornamenti

Aggiornamento delle 11:34 – “Seguo con grande apprensione anche l’evoluzione delle condizioni di salute, alcune molto critiche, delle tante persone ricoverate nelle strutture sanitarie e sto per recarmi sul posto, per verificare di persona quello che è accaduto”. Lo scrive il premier Giuseppe Conte sul profilo ufficiale Facebook in merito alla tragedia di Corinaldo.

Tragedia in provincia di Ancona oggi 8 dicembre 2018 dove sei ragazzi sono morti schiacciati dalla folla nel panico in una discoteca. E’ successo alla Lanterna Azzurra di Corinaldo  in provincia di Ancona. Il locale ospitava il concerto del rapper Sfera Ebbasta quando intorno all’1.00 di notte, forse l’utilizzo di uno spray urticante ha scatenato il panico tra i presenti.

Ancona, 6 morti in discoteca al concerto di Sfera Ebbasta

Subito i presenti hanno iniziato a correre, cercando di uscire dal locale me così facendo almeno una decina sono rimasti travolti, schiacciati dalla folla. Per sei di loro non c’è stato nulla da fare. A diffondere la notizia, attorno alla una di notte di oggi il profilo Twitter dei Vigili del Fuoco. “Corinaldo (Ancona) 1:00, squadre #vigilidelfuoco impegnate nel soccorso in una discoteca. Forse per la dispersione di una sostanza urticante, ragazzi fuggono per il panico calpestandosi. Sei purtroppo quelli deceduti, decine feriti”, si legge sull’account dei VVF.

Le sei vittime di Corinaldo sono tre ragazze e due ragazzi, tutti minorenni, e una donna che aveva accompagnato la figlia al concerto del trapper Sfera Ebbasta. Lo rende noto l’AdnKronos con un lancio di poco fa. Almeno un migliaio le persone presenti nel locale al momento del drammatico incidente, prima dell’inizio del concerto. Secondo alcune testimonianze almeno una delle uscite di sicurezza era sbarrata. I feriti gravi sono sette, lo si apprende da un comunicato dell’azienda ospedaliera “Le Torrette” di Ancona. Si tratta di due ragazze e cinque ragazzi di età compresa tra i 14 ed i 20 anni, trasportati in codice rosso per trauma cranico e/o toracico. Sono tutti ricoverati in terapia intensiva. In tutto i feriti sono almeno una trentina.

 

“Presso l’Azienda Ospedaliera si è in attesa di accogliere tutte le salme dei deceduti, che sono a disposizione dell’autorità giudiziaria per gli accertamenti di legge. Sul luogo è pienamente operativo un team di Psicologi per il necessario supporto ai familiari”. Lo scrive l’Azienda ospedaliera “Le Torrette” di Ancona in un comunicato ufficiale diffuso poco fa. “Non si può morire così a quindici anni, un pensiero e una preghiera per i sei morti di stanotte nelle Marche, e una speranza per i tredici feriti gravi ancora ricoverati. E un  impegno: trovare i responsabili di queste sei vite spezzate, chi per cattiveria, stupidità o avidità ha trasformato una serata di festa in una tragedia”. Lo scrive il ministro dell’Interno Matteo Salvini su Facebook.

«Stiamo verificando con i vigili del fuoco la capienza della discoteca e se le dotazioni erano adeguate per poter ospitare questo tipo di manifestazioni». Lo dice all’Adnkronos il comandante provinciale dei carabinieri di Ancona Cristian Carrozza, ricostruendo la dinamica dell’incidente. «Tra le varie ipotesi di causa scatenante – dice – c’e’ anche quella dello spray urticante, stiamo facendo i rilievi. I ragazzi sono fuggiti in un’unica direzione verso la porta posteriore di sicurezza della discoteca; c’erano scale e ringhiere alte un metro e mezzo che hanno ceduto sotto il peso dei ragazzi». 

Ultimo aggiornamento ore 10:12.

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Lavazza offerte di lavoro: posizioni aperte in Italia, Germania e Danimarca

Rai Radio Televisione Italia nuove opportunità: tirocini e stage formativi per studenti e laureati