in ,

Ancona fidanzati killer: Antonio Tagliata tenta suicidio in carcere

Antonio Tagliata avrebbe cercato di togliersi la vita in carcere, ingerendo della candeggina, “me lo ha suggerito una voce nella testa”, avrebbe detto dopo aver commesso il gesto inconsulto. Il 18enne accusato con la fidanzatina dell’omicidio dei suoceri, Fabio Giacconi e Roberta Perini, avvenuto ad Ancona lo scorso 7 novembre, è rinchiuso nel carcere di Ascoli Piceno, la sua fidanzata, figlia delle vittime, si trova detenuta nel carcere minorile di Roma.

Antonio Tagliata, che ha sempre dichiarato agli inquirenti di avere aperto il fuoco solo per difendersi da una presunta aggressione del suocero, che quel giorno avrebbe incontrato “solo per avere un chiarimento”, vista la sua profonda avversione verso la sua relazione con la giovane figlia, avrebbe dunque tentato il suicidio.

Qui i dettagli della vicenda.

Dopo avere ingerito della candeggina, quella che viene data in dotazione ai detenuti per la pulizia delle celle, il giovane sarebbe stato trasferito in ospedale per accertamenti; le sue condizioni sarebbero tuttavia risultate non preoccupanti, perciò Tagliata sarebbe stato già ricondotto in carcere. Ne ha dato conferma il suo legale, Luca Bartolini, che ha parlato di “strane voci in testa” che il suo assistito sentirebbe da giorni.

david bowie tumore fegato

David Bowie morto, il cordoglio sul web: dai Queen a Madonna, i messaggi su Twitter

ricette anna moroni

Ricette Anna Moroni a La prova del cuoco: anello di radicchio mele e patate