in ,

Andrea Loris Stival, la madre Veronica arrabbiata: “Pronta a morire per la mia innocenza

Veronica Panarello in carcere con l’atroce accusa di essere l’assassina del figlio, di appena otto anni, Andrea Loris Stival, è stata dai conoscenti come la “madre perfetta”, adesso attraverso il suo avvocato Francesco Villardita fa sapere di voler essere una madre combattiva, determinata a dimostrare che lei con la morte del suo primogenito non c’entra.

=> leggi tutto sull’omicidio di Andrea Loris Stival

La venticiquenne di Santa Croce Camerina, ha scritto una seconda lettera al marito Davide Stival, in un cui ancora una colta gli chiede di credere nella sua innocenza. Il suo avvocato ha riferito alla stampa: Loris, la rabbia di mamma Veronica: “Ho trovato la signora fortemente turbata per la morte del figlio ma assolutamente determinata a combattere per la sua libertà. Mi ha detto di essere pronta a morire per dimostrare la sua innocenza”.

Negli ultimi giorni Veronica Panarello è stata meno sola rispetto ai momenti successi all’arresto, quando in famiglia solo il padre ha avuto per lei parole di affetto. Sempre l’avvocato Villardita ha spiegato: “Chi non ha mai messo in dubbio le sue parole è il padre che è stato a trovarla in carcere. Un incontro dolcissimo tra padre e figlia”. Nel frattempo la sorella di Veronica, Antonella, in queste ore si è ravveduta e le ha chiesto scusa: “Per tutto quello che ho detto, ma c’era la rabbia, perché è venuto a mancare il tuo bimbo, il mio nipotino. L’ho visto nascere Loris, ti chiedo scusa sei la mia sorellina, ti chiedo scusa e ti amo. Perdonami per quello che ho detto, perdonami. Voglio venirti a trovare”.

il ricordo a 30 anni dalla tragedia

Strage del Rapido 904: 30 anni dopo quel Natale di sangue

anticipazioni diMartedì

Anticipazioni diMartedì: puntata speciale, visita alla Cappella Sistina