in ,

Andrea Loris Stival, la mamma al marito: “Come puoi pensare sia stata io?”

“Caro Davide, sono amareggiata profondamente dal comportamento che hai avuto nei miei confronti. Come puoi credere che io abbia potuto uccidere nostro figlio?” Questo Veronica Panarello ha scritto al marito in un’accorata lettera dal carcere in cui si trova per l’omicidio del figlio, il piccolo Andrea Loris Stival. La lettera arriva in risposta alle dichiarazioni del padre del piccolo, che nei giorni scorsi si era detto disorientato e non più disposto ad appoggiare aprioristicamente la moglie.

=> leggi tutto sull’omicidio di Andrea Loris Stival

La lettera, facendo anche leva sul lungo matrimonio (10 anni) tra i due, prosegue così: “Tu sai che mamma sono stata io e quale affetto abbia avuto per i nostri bambini. È un’atroce sofferenza la morte di Loris, così come atroce sofferenza è la mia carcerazione. Mi sento sola e abbandonata da tutti. Oggi è il compleanno del nostro figlio più piccolo ed anche a lui va il mio pensiero. Sono innocente, assolutamente innocente, ti prego di credermi. Io so che tu nel tuo cuore mi consideri innocente”.

Capodanno 2015 Torino discoteca

Capodanno 2015 a Torino: feste, eventi e veglioni

pandoro ricette la prova del cuoco

Pranzo di Natale 2014 ricette: il risotto natalizio al prosecco de “La prova del cuoco”