in ,

Andrea Loris Stival Quarto Grado, ultime notizie: Veronica Panarello è davvero colpevole?

Nella puntata del 30 gennaio 2015 nello studio del programma televisivo quarto Gradoe è intervenuto l’avvocato Daniele Scrofani, difensore di Davide Stival, papà di Andrea Loris Stival il bambino di soli 8 anni ucciso a Santa Croce Camerina in provincia di Ragusa. Il legale ha affermato che papà Davide ha riconosciuto dai video delle telecamere suo figlio Loris che rientra in casa la mattina della sua scomparsa: “Davide Stival è molto angosciato per la mancanza di risposte da parte della moglie Veronica. Ritiene che la versione della moglie sia incompatibile con l’accompagnamento a scuola”. L’accusa e la difesa di dividono molto sulle immagini delle riprese registrate dalle telecamere pubbliche e private che hanno ripreso i movimenti di Veronica Panarello, per la difesa della donna, in carcere con l’accusa dell’omicidio di suo figlio, sono inattendibili, mentre per l’accusa la incastrerebbero.

L’avvocato di Veronica Panarello, Francesco Villardita, intervistato dai giornalisti di Quarto Grado, ha ribadito che la procura deve svolgere indagini a 360 gradi, senza fossilizzarsi sull’ipotesi della colpevolezza della sua assistita. Dalla parte di Veronica sono anche suo padre Francesco e la zia della giovane mamma di Santa Croce Camerina, che hanno raccontato ad Ilaria Cavo, l’incontro tra la ragazza e sua madre: “ Si sono abbracciate strette”. Madre e figlia hanno cercato di chiarirsi in un clima di commozione, cercando di ricostruire dei ricordi sui luoghi frequentati da Veronica da ragazza, diversi da quelli in cui è stato ritrovato il cadavere del piccolo Loris. Sia la zia di Veronica che il papà hanno confermato che non vuole incontrare la sorella Antonella, dopo le tante esternazioni di questa.

La mattina del delitto sarà da analizzare minuto per minuto, fotogramma per fotogramma per ricostruire i movimenti di Veronica Panarello che dal carcere continua a dichiarasi non colpevole per la morte del figlio. La madre di Loris, la mattina della scomparsa del piccolo,  è stata vista stendere i panni, è stata sentita con l’aspirapolvere accesa e secondo la sua difesa non avrebbe avuto il tempo materiale per uccidere il bambino. Ammesso che Loris sia rincasato, secondo la difesa della Panarello, lei non avrebbe avuto il tempo materiale di uccidere suo figlio

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Elezione Presidente della Repubblica 2015

Elezione Presidente della Repubblica 2015, quarto scrutinio: è il giorno di Sergio Mattarella

Calciomercato Roma

Inter ultimissime: Osvaldo, i nerazzurri fanno causa all’attaccante