in ,

Andrea Loris Stival, ultime notizie: traffico dati misterioso nel cellulare di Veronica Panarello

Nei minuti che, stando al quadro accusatorio della Procura di Ragusa, Veronica Panarello ha impiegato per strangolare suo figlio Loris e nascondere il suo corpicino nel bagagliaio dell’auto parcheggiata insolitamente all’interno del garage condominiale, il suo cellulare ha registrato un traffico dati anomalo.

Se infatti dai tabulati analizzati le telefonate in entrata e in uscita nel telefono di Veronica Panarello non ‘dicono’ niente di rilevante ai fini delle indagini, polizia e carabinieri che indagano sull’omicidio di Andrea Loris Stival stanno quindi concentrando la loro attenzione sul traffico dati di quello smartphone. Si tratterebbe di una “connessione stabile, non riconducibile all’utilizzo di una messaggistica tradizionale, ma ad altre applicazioni difficilmente intercettabili come WhatsApp e simili” – dicono gli inquirenti – “il cellulare era attivo, ma il traffico è difficilmente intercettabile”.

=> leggi tutto sull’omicidio di Andrea Loris Stival

La polizia postale di Catania che sta eseguendo i dovuti accertamenti sul dispositivo elettronico dell’indagata, lo ha definito un traffico dati assolutamente inusuale e abnorme, di quasi 45 minuti. Minuti collocabili nella fascia oraria che va dalle 8,30 alle 10,00 circa di quel sabato 29 novembre. Scoprire che uso abbia fatto Veronica del suo cellulare in quei momenti potrebbe essere di grande aiuto agli investigatori che ormai da sedici giorni stanno cercando di ricostruire la verità e dare un nome e un cognome – oltre ogni ragionevole dubbio – all’assassino del piccolo Loris.

Lazio calcio news: Biglia ancora fuori, c’è Ledesma

decreto semplificazioni

Decreto semplificazione innalza l’esenzione della dichiarazione di Successione