in ,

Andrzej Wajda morto, lutto nel mondo del cinema: si spegne il regista polacco Premio Oscar

Brutto inizio di settimana per il mondo del cinema internazionale. Nella serata di ieri, 9 ottobre 2016, si è spento il regista polacco Andrzej Wajda: il cineasta aveva 90 anni ed è morto nella propria cassa, a Varsavia. Autore di numerosi film sulla storia della Polonia, vinse la Palma d’oro a Cannes nel 1991 con L’uomo di ferro, racconto del movimento di Solidarnosc, che aveva conquistato la Palma d’oro a Cannes. Il regista era atteso alla Festa di Roma per essere protagonista di uno degli incontri ravvicinati e dove verrà proiettato il suo ultimo film Afterimage dedicato alla vita del pittore polacco Wladyslaw Strzeminski (1893-1952) e delle repressioni da lui subite nel dopoguerra in Polonia per il rifiuto di piegarsi alle regole del ‘realismo socialista’, ovvero la dottrina ufficiale imposta agli artisti dal Partito comunista.

>>> TUTTO SUL MONDO DEL CINEMA CON URBANPOST<<<

Tra i primi a rendere omaggio ad Andrzej Wajda, su Twitter, è stato  l’ex presidente del festival di Cannes, Gilles Jacob, che ha scritto: “L’amico di sempre non c’è più. È stato il maestro indiscusso del cinema polacco. Cineasta barocco dal lirismo potente, coscienza di un intero popolo, Andrzej Wajda ha accompagnato i contraccolpi della storia del suo paese,”

Basket serie A1 risultati, classifica e prossimo turno: tutto sulla 2a giornata di campionato

OMICIDIO NOVENTA PARLA PAOLO

Isabella Noventa news corpo, Manuela Cacco: “Confermo, è stata gettata nel Brenta”