in ,

Angela Celentano, prelievo Dna ai familiari: nuovo input alle indagini, autorità messicane al lavoro

Dopo il prelievo del Dna ai familiari, l’ormai nota ‘pista messicana’ relativa al caso della scomparsa di Angela Celentano ha subìto un ulteriore input da parte degli inquirenti italiani, sollecitati a fare quanto prima chiarezza in questo senso anche dal premier, Matteo Renzi, dopo il pressing alle autorità messicane fatto anche dal ministro Andrea Orlando e il procuratore antimafia, Franco Roberti.

>>> QUI TUTTI GLI ARTICOLI SUL CASO ANGELA CELENTANO

È infatti di queste ora la notizia che la Procura di Torre Annunziata, titolare dell’inchiesta, avrebbe inviato la traduzione di tutto il fascicolo di indagine inerente alla scomparsa, a soli 3anni, della bimba di Vico Equense, avvenuta il 10 agosto 1996. Si tratta di atti prodotti in 6 anni di indagine, quelli relativi alla pista investigativa che porta a Celeste Ruiz, che ora saranno vagliati da una unità speciale messicana specializzata nella ricerca di persone scomparse.

Video gol Champions League

Leicester – Everton probabili formazioni e ultime notizie Premier League

Zucchero plagio, Partigiano Reggiano riprende Kobra di Donatella Rettore: la conferma