in ,

Angelina Jolie, rimozione delle ovaie per paura del cancro: le parole dell’attrice per le donne

Angelina Jolie, attrice, regista e bellissima moglie di Brad Pitt, due anni fa si era sottoposta ad un intervento di rimozione del seno, la mastectomia, dopo aver scoperto di poter essere portata a sviluppare un tumore, per questioni genetiche. Una settimana fa, Angelina Jolie ha affrontato un’altra operazione, ha deciso di sostenere la rimozione delle ovaie per paura del cancro. Il gene BRCA1, che la Jolie possiede, poteva aumentare il rischio di tumore alle ovaie del 50%. Dopo l’intervento, Angelina Jolie ha raccontato al New York Times la sua decisione, rivolgendosi principalmente alle donne. Ecco le sue parole.

Angelina Jolie, dopo la rimozione delle ovaie per paura del cancro, ha detto: “Non ho fatto ciò solo per la mutazione del genere BRCA1, e voglio che le donne lo sappiano. La chirurgia non è l’unica opzione, alcune donne prendono la pillola, o si rivolgono ad altre medicine combinate con controlli frequenti. L’importante conoscere le opzioni e scegliere ciò che è giusto per sé. Nel mio caso mi è stato assicurato che rimuovere le tube e le ovaie sarebbe stata la migliore opzione, a causa della mia storia famigliare”.

Angelina Jolie, ha proseguito con le sue parole rivolte alle donne, dicendo: “Non è possibile rimuovere tutti i rischi, e la verità è che rimango vulnerabile al cancro. Cercherò modi naturali per rinforzare il mio sistema immunitario. Mi sento femminile, e certa delle scelte che sto facendo per me e la mia famiglia. So che i miei bambini non dovranno dire “Mamma è morta di cancro alle ovaie”. Nonostante gli ormoni che sto prendendo ora sono in menopausa. Non potrò avere altri figli, e mi aspetto dei cambiamenti fisici. Ma mi sento a posto con quanto verrà, non perché io sia forte, ma perché questo è parte della vita. Non è niente di cui avere paura”.

agriturismo toscana

Vacanze di Pasqua 2015: le offerte degli agriturismi toscani

Torino, Tifosi, Granata

Torino in campo nel giorno dell’anniversario di Superga: i tifosi protestano