in

Anna Tatangelo Instagram, scollatura vertiginosa fa esplodere decolleté: «Stai scoppiando!»

La “Ragazza di periferia” è tornata a farsi vedere sul profilo Instagram di Anna Tatangelo: mini vestitino sbarazzino e scarpe da tennis, la cantante di Sora si mostra casual ma sempre molto ammiccante tra le “Strade di periferia”. Citando e stravolgendo la didascalia del post, i numerosissimi followers della Tatangelo si sbizzarriscono sotto l’immagine nei commenti più svariati. E così, per molti periferia fa rima con Ciociaria che è, d’altra parte, la terra d’origine della bella Anna. Ma se in tanti ricordano la provenienza, altrettanti ne sottolineano l’apparenza.

Anna Tatangelo Instagram, “Sei deliziosa”

“Bocce di periferia”, “Tette di periferia”, “Gran piccione di periferia”, ogni richiamo riporta alla bellezza e all’abbondanza della Tatangelo. Del resto la profondissima scollatura sul generoso seno di Anna non passa inosservata anzi, nonostante lo scatto della cantante non sia affatto un primo piano, il decolleté riesce comunque a calamitare l’attenzione e a rendersi ‘enorme’. “Sei uno spettacolo”, si legge tra gli altri, “Sei deliziosa”, “Na criatur”. Qualcuno si raccomanda perfino ai santi, cui si rivolge per un’invocazione.

“Che bombe, seno e corpo fantastico”

Il seno della Tatangelo, assoluto protagonista, compare in ogni considerazione e si fa anche oggetto di discussione tra fan. “Che tettone che hai…!!! Enormi…”, considera un follower. “Ovvio è rifatta”, replica pronto un altro. “Si lo so… – ammette di nuovo il primo – ma sono davvero grandi!!”, chiosa incantato. Altri intanto sottolineano: “Che bombe, seno e corpo fantastico, eccitante come sempre…”, “Stupenda e che poppe”, “Dure come il marmo”, “Che tette”, “Mi sto sentendo male, Anna”. E per finire: “Attenta alla zezza”, “, Stai scoppiando”.

Leggi anche —> «Elodie, che lato b!», Instagram fuori controllo: fondoschiena fasciatissimo e camminata da diva

Alessandro Greco su Miss Italia: «Sono certo che ci sia lo zampino di Fabrizio Frizzi»

La felicità in Italia, prima parte: siamo felici?