in

Anna Tatangelo a torso nudo per Lilt: pioggia di critiche per la cantante di Sora

Pioggia di critiche per Anna Tatngelo per una foto che la ritrae a torso nudo in ‘veste’ di testimonial per la Campagna Nastro Rosa 2015 di prevenzione del tumore al seno promossa dalla LILT, la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori.

La foto della campagna pubblicitaria non è però andata giù a molte attiviste, che l’hanno giudicata inadeguata al tema e decisamente ‘eccessiva’ e troppo sensuale, trattandosi di uno scatto che dovrebbe sensibilizzare le donne alla lotta al cancro e non certo avere la parvenza di un calendario sexy. La nota cantante di Sora, che non è nuova ad aspre critiche sul web, è ritratta a torso nudo con le braccia incrociate che le coprono il seno. A dare addosso alla compagna di Gigi D’Alessio blogger come Grazia De Michele, la docente Sandra Castiello di Napoli), senologhe, psicologhe e chi più ne ha più ne metta.

La loro rimostranza ha già preso la forma di una lettera di protesta indirizzata alla LILT e al ministro per la Salute Beatrice Lorenzin, in cui viene rimarcata l’inadeguatezza di una campagna che pur di attirare l’attenzione verso un argomento così delicato ed importante arriva a propinare “un’immagine sessualizzata” della malattia, e ne chiede il ritiro. “Quello è un abbraccio che protegge il seno”, ha replicato Francesco Schittulli, presidente di Lilt, prendendo le distanze dall’accusa delle firmatarie della lettera che l’hanno apostrofata come “posa da calendario” e spiegando che la campagna di prevenzione non è rivolta alle donne malate, ma alle giovani e giovanissime.

 

far dormire i bambini, far addormentare i bambini, bambini, nanna,

Come far dormire un bambino: arriva il metodo del coniglio

bollette acqua

Bollette acqua: nuova stangata per gli italiani?