in ,

Anniversario ultimo concerto Beatles: oggi, 47 anni fa, sopra il tetto della Apple a Londra

Quattro uomini su un terrazzo, quattro icone in una fredda giornata di Gennaio. Erano i Beatles, erano gli anni’60. Quel 30 Gennaio del 1969 è stata la parola fine alla storia del gruppo di Liverpool. Siamo a Londra, tira vento a mezzogiorno, è il numero 3 di Savile Row, è il tetto della Apple. Cinque canzoni per chiudere una leggenda, cinque canzoni dedicate più a se stessi che al pubblico, ignaro di quanto stava succedendo.

E come in tutte le storie d’amore c’è la fine: tragica, sorprendente o “granduer“. Questa è stata quella dei Beatles, interroti al minuto 42 dell’improvvisato concerto dall’arrivo dei poliziotti, pronti a sedare quel “disturbo alla quiete pubblica”. Altri tempi. Tempi in cui anche la band più famosa sulla terra si congedava con un sussurro, tornando a sconvolgere il mondo, in questo caso un quartiere. E come sarebbe andata a finire se fossero rimasti insieme? Come in una storia d’amore, quando l’amore non c’è più, quando la passione lascia spazio alla consuetudine.

E allora oggi, 30 Gennaio, celebriamo l’anniversario della conslusione del mito Beatles. Fu John Lennon a pronunciare le ultime parole dal microfono: “I’d like to say thank you on behalf of the group and ourselves, and I hope we passed the audition”. Michael Lindasy-Hogg invece filmò l’ultima esibizione che poi, nel 1970, verrà inclusa nel film “Let it be”. John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr rimarranno per sempre capostipiti di un’idea. Rivoluzionari dalla piccola e mineraria Liverpool.

Il Segreto anticipazioni 31 gennaio – 6 febbraio: Conrado muore? Aurora va via

Attacchi di panico cosa li provoca

Attacchi di panico: ecco cosa potrebbe provocarli secondo la Scienza