in

Anticipazioni Amici 2013: l’ira funesta di Emma Marrone e le “coccole” di Al Pacino

Ti tengo come il jolly, la perla, il colpo di scena finale e tu per chi hai cantato? Per le mattonelle del pavimento hai cantato! Una Emma Marrone furibonda, letteralmente inviperita dopo la Caporetto dell’ultimo serale, rivolge alla cantante Greta questa domanda.

Greta Amici 2013

 

Mentre, in contemporanea, Miguel Bosè gongola come lo Stregatto in compagnia della propria squadra, i Blu, che hanno letteralmente sotterrato i Bianchi mutilandoli di ben due componenti. “E’ uscita la vostra migliore amica? Anche io volevo e voglio bene ad Angela ma cosa devo fare? Butto tutto in m…a perché è uscito un pezzo del mio cuore con Angela?” prosegue Emma furibonda per poi ribadire la sua stima per l’atteggiamento serio e attento che gli allievi della squadra Blu dimostrano sempre a differenza dei propri.

Qui non avete soltanto delle prove, avete perso l’atteggiamento” e ricorda ai Bianchi che in questo mondo, dove lei si trova a lavorare dopo aver vinto Amici, non ti è concesso neppure un solo errore, al primo errore sei finito. Una strigliata in piena regola che la bella salentina conclude con la minaccia di non essere disposta a tollerare più un solo passo falso.

Per fortuna la squadra di Emma ha potuto contare su un incoraggiamento davvero speciale: sua maestà Al Pacino, verso il quale gli inchini non sono mai troppi, da gran signore si è premurato, al termine della puntata di avvicinarsi alla squadra in lacrime per ricordare loro che la differenza è stata minima e che lui sa cosa voglia dire una sconfitta, li comprende e per questo li invita a rialzarsi e continuare. La solite frase fatta, è vero, ma se lo dice Al Pacino vale triplo.

Written by Vittoria Verdi

Giornalista pubblicista, reporter e copywriter. Appassionata di cinema, simpatizza decisamente per i cani ma sta imparando a relazionarsi ai gatti con risultati soddisfacenti, scrive per svariate testate giornalistiche on line e cartacee. Astemia, vintage prima della moda del vintage e amante dello smalto rosso in ogni sua declinazione.

Ponte del 25 Aprile 2013: solo il 7,3% degli italiani in viaggio

Siamo dei senza Dio perché siamo senza Storia: giornata della memoria del genocidio armeno