in

Anticipazioni Beautiful giovedì 16 gennaio: Liam e Steffy scelgono il nome del loro bambino

Anticipazioni Beautiful puntata di giovedì 16 gennaio – Siamo arrivati alla puntata del giovedì di Beautiful, la soap opera americana in onda tutti i giorni, dal lunedì al venerdì alle ore 13.40 su Canale 5 e da alcune settimane anche il sabato, sempre alla stessa ora, sempre sulla rete ammiraglia dell’azienda del Biscione. L’appuntamento del sabato di Beautiful è stato inserito dai vertici dell’azienda per ‘aiutare’ il talent show di Canale 5, Amici di Maria De Filippi, ad aumentare con gli ascolti, visto che questa edizione stentava a decollare.

Beautiful-anticipazioni-16-gennaio-2014

Beautiful, infatti, continua ad essere uno dei programmi Mediaset più seguito: nonostante la soap opera americana vada in onda da oltre vent’anni qui in Italia, non ha mai avuto cali di ascolti e le sue trame hanno appassionato il pubblico che, di anno in anno, è andato aumentando e che oramai considera i protagonisti di Beautiful come dei veri e propri beniamini.

Vediamo dunque cosa succederà nella puntata di oggi, giovedì 16 gennaio, di Beautiful: Liam (Scott Clifton) e Steffy (Jacqueline McInnes Wood) sono in luna di miele e si godono questo momento indimenticabile pensando al nome da dare al proprio figlio che nascerà di lì a poco. Il giovane Spencer vorrebbe chiamare il suo primogenito Aspen, come la località che li ospita. Intanto il tenente Baker si reca a casa di Brooke (Katherine Kelly Lang) per chiarire ancora una volta la dinamica del suo incidente con Bill (Don Diamont). Il poliziotto, infatti, ha il sospetto che il magnate Spencer guidasse ubriaco e che Brooke stia mentendo per coprirlo. Taylor (Hunter Tylo) che ascolta casualmente la conversazione tra Brooke e il tenente Baker, decide di affrontare la storica rivale, accusandola di essere andata a letto con Bill. Come reagirà Brooke alle accuse di Taylor?

La politica è una questione di culo

Alluvione Sardegna 18 novembre

Alluvione Sardegna: presto i primi indagati, ma è polemica per i risarcimenti