in

Anticipazioni Centovetrine lunedì 3 febbraio: Sebastian è vivo

Anticipazioni Centovetrine puntata lunedì 3 febbraio – Ricomincia la settimana e con essa ricomincia il quotidiano appuntamento con le anticipazioni di Centovetrine, la soap opera tutta italiana, ambientata nel torinese, in onda da oltre tredici anni tutti i giorni, dal lunedì al venerdì alle ore 14.10 su Canale 5. La settimana di Centovetrine si riapre con un colpo di scena che lascerà tutti i fedelissimi telespettatori senza parole: Sebastian Castelli è vivo. Che fine avrà fatto l’uomo e chi lo ritroverà?

anticipazioni-centovetrine-ettore-ferri

Vediamo dunque insieme cosa succederà nella puntata di oggi, lunedì 3 febbraio, di Centovetrine: Brando (Aron Marzetti) spiega a Viola (Barbara Clara) quello che è successo con Sveva. Nonostante la donna non abbia subito nessuna operazione, lui non se l’è sentita di lasciarla da sola ed ha preferito stare al suo fianco in questo momento. Viola sembra capire la posizione del marito, nonostante la gelosia per Sveva sia tanta. Poco dopo Viola riceve un messaggio insolito in cui le viene dato un appuntamento: quando la giovane Castelli si presenterà nel posto indicato, si ritroverà davanti una spiacevole sorpresa.

Nel frattempo il Cda decide di rimuovere Jacopo (Alex Belli) dalla carica di presidente del Gruppo Ferri. Carol (Marianna De Micheli), con una mossa strategica, convince i soci a votare per Ettore Ferri (Roberto Alpi), consapevole che, qualora si fosse schierata contro il tycoon di Centovetrine, non avrebbe mai vinto. Jacopo così, spodestato dalla poltrona di presidente, cerca di convincere Laura (Elisabetta Coraini) a tornare a vivere a villa Castelli così da rimanere tutti uniti. Colpo di scena a fine puntata: si scopre che Sebastian (Michele D’Anca), al contrario di quanto pensano tutti, è ancora vivo. Cosa sarà successo all’uomo?

Seguici sul nostro canale Telegram

Anticipazioni Beautiful lunedì 3 febbraio: Liam è arrabbiato con Steffy

Anticipazioni Il segreto lunedì 3 febbraio: Tristan riceve una lettera dall’esercito