in

Anticipazioni Cuore Ribelle giovedì 24 luglio: Sara si allea con Carranza

Anticipazioni Cuore Ribelle giovedì 24 luglio – Eccoci ad un nuovo appuntamento con le anticipazioni di Cuore Ribelle, la nuova soap opera spagnola di Mediaset, in onda tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, alle ore 18.05 su Canale 5. Tanti sono i colpi di scena che abbiamo visto in queste ultimissime puntate della telenovela spagnola, e ancora tanti altri ne accadranno. Le vicissitudini dei personaggi di Cuore Ribelle stanno appassionando sempre più il pubblico di Canale 5 che comincia ad affezionarsi alle trame e ai volti dei nuovi beniamini. Riuscirà Cuore Ribelle – Bandolera, il nome originario della soap opera – a bissare il successo de Il segreto?

cuore ribelle puntata

Vediamo intanto cosa succederà nella puntata di oggi di Cuore Ribelle: Roberto trova il cadavere di Peralta e subito si dirige dalla Guardia Civile per denunciare il fatto. Il capitano Olmedo però mette subito a tacere la situazione, incolpando Carranza e i suoi uomini. Il caso dunque è chiuso, senza indagini e senza prove. Questo insospettisce molto Miguel, soprattutto dopo che Morales gli racconta una scomoda verità.

Miguel Romero racconta quanto successo a Sara che rimane scandalizzata dall’atteggiamento del capitano Olmedo. La ragazza decide di farsi carico della stamperia di Peralta, così da non lasciare a metà il lavoro dell’amico; ed inoltre Sara va da Carranza per chiedere al brigante di poter entrare a far parte della sua banda, per riportare un po’ di giustizia ad Arazana.

Written by Vittoria Verdi

Giornalista pubblicista, reporter e copywriter. Appassionata di cinema, simpatizza decisamente per i cani ma sta imparando a relazionarsi ai gatti con risultati soddisfacenti, scrive per svariate testate giornalistiche on line e cartacee. Astemia, vintage prima della moda del vintage e amante dello smalto rosso in ogni sua declinazione.

Anticipazioni Beautiful giovedì 24 luglio: Wyatt litiga con Liam

nuovo iphone

Iphone, prezzo aumentato per la tassa sull’equo compenso, Siae si arrabbia