in

Anticipazioni Il Bosco: Giulia Michelini e Claudio Gioè nella nuova fiction Taodue

Giulia Michelini e Claudio Gioè sono i protagonisti de Il Bosco un nuovo ed entusiasmante thriller, ovvero una delle ultime fiction firmate Taodue. I due bravissimi attori, legati alla casa di produzione di Pietro Valsecchi con Squadra Antimafia, che gli ha visti entrambi protagonisti nelle primissime edizioni e Il Tredicesimo Apostolo, infatti, approderanno nuovamente sull’ammiraglia Mediaset per quattro puntate ricche di suspance e colpi di scena per raccontare la storia di Nina Ferrari, una psicologa che torna dopo anni nel piccolo centro dove è nata per dare una risposta alle sue domande e capire soprattutto come mai sia stata abbandonata.

Il Bosco anticipazioni

Il Bosco, una delle nuove fiction Taodue, scritta da Maurizio Curcio, Leonardo D’Agostini e Andrea Nobile, per la regia di Eros Puglielli, in cui oltre ai già citati protagonisti vi sono anche: Ivano Marescotti, Andrea Sartoretti, Gianmarco Tognazzi, Sandra Ceccarelli, incentrandosi sulla storia di Nina, ritornata a casa dopo vent’anni anche a causa di uno strano scherzo del destino visto che è stata accettata, fra gli atenei a cui aveva fatto domanda, proprio nel campus della sua cittadina d’origine, stuzzicherà i telespettatori invogliandoli ad investigare insieme a Nina, Alex Corso (Claudio Gioè) e l’ispettore Damiani (Andrea Sartoretti) per riportare a galla quanto avvenuto nel passato in una vera e propria lotta contro il tempo.

Nina capirà ben presto che la storia di Alex ha molti punti in comune con la sua. L’uomo è stato accusato ingiustamente per la morte di Eleonora, la sua fidanzata, avvenuta guarda caso vent’anni prima, ed indagine dopo indagine scoprirà che Cecilia, sua madre, non l’ha mai abbandonata, ma che qualcuno l’ha fatta sparire.

amal clooney matrimonio

George Clooney-Amal matrimonio: Venezia nel panico, ordinato lo sgombero lungo il Canal Grande

caso yara pomeriggio 5 complice bossetti

Anticipazioni Ignoto-1: Taodue lancia la mini serie sul caso Yara Gambirasio