in

Anticipazioni Quarto Grado: si riparte domani con il lancio della campagna “Io dico no”

Dopo i successi della scorsa stagione e forte dei risultati oltre le aspettative con “Segreti e Delitti” su Canale 5, torna da domani venerdì 5 settembre in prima serata su Rete4, “Quarto Grado” con la squadra capitanata da Siria Magri. I conduttori Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero ripartono da Yara Gambirasio e lanciano la campagna “IO DICO NO”: un palloncino bianco contro la violenza in famiglia.Nuzzi e VIero conduttori di Quarto Grado

“Quarto Grado”, nel corso della prima puntata ripercorrerà e darà degli aggiornamenti sulle più seguite vicende irrisolte di cronaca: da Yara Gambirasio e Federica Mangiapelo. Inoltre darà conto di quei casi che, nelle ultime settimane, hanno richiamato l’attenzione dei media. Il programma di approfondimento giornalistico non tralascia l’impegno sociale e lancia una nuova campagna di sensibilizzazione. L’iniziativa, all’insegna della frase “Io dico no” e che è simboleggiata da un palloncino bianco, è un invito a tenere sempre alta l’attenzione su tutti coloro che sono oggetto di violenza in famiglia: minori, donne ed anziani. Nel corso della diretta e nei prossimi appuntamenti della stagione, Nuzzi spingerà il pubblico a liberare tanti palloncini bianchi, immortalare con un video oppure una foto il momento da inviare a quartogrado@mediaset.it e postarlo sui social con gli hashtag #iodicono e #quartogrado.

In conclusione, nella squadra del settimanale di Rete4, sono confermati: gli inviati sul territorio, gli esperti chiamati a commentare i “cold case” e l’attualità con le attente ed accurate ricostruzioni e i numerosi contributi di testimoni e tecnici. Il pubblico di “Quarto Grado” può interagire con il programma andando sul sito www.quartogrado.mediaset.it e utilizzando il profilo Twitter @QuartoGrado e la pagina Facebook Facebook.com/quartogrado.

Juve tallota Adrien Rabiot

Calciomercato Juventus news: il caso “Rabiot” tiene banco

draghi bce taglio tassi

Bce, taglio dei tassi: 0,05% è il minimo storico