in

Anticipazioni Resurrection, la serie tv sul mistero dei morti che tornano alla vita

Parte questa sera alle ore 21.10 su RaiDue Resurrection, una nuova serie tv americana che in sole 8 puntate promette di conquistare il pubblico colpendolo nel profondo, con quel mix di misticismo e mistero legato al ritorno dei cari estinti dal mondo dei morti. Protagonista della serie l’attore americano Omar Epps, che molti fan del Dr. House ricorderanno certamente nei panni dell’acuto Foreman.

agente Bellamy Foreman

Il mistero nasce con il ritrovamento in una zona rurale della Cina di Jacob Langston, un bimbo di soli 8 anni che riacquista la memoria e racconta di essere originario di Arcadia, una piccola città del Missouri. L’agente Bellamy, alias Omar Epps, si preoccupa di riportare il ragazzo a casa dai suoi genitori, ma ad attenderlo ci sono due sessantenni che hanno perso il loro piccolo trent’anni prima a causa di un incidente. Nasce da qui il mistero sul bambino scomparso ma poi ritrovato, e mentre Lucille, la mamma del ragazzo pensa subito ad un miracolo, il marito sospetta un imbroglio. Nel frattempo Fred Langson, lo sceriffo della città, decide di interessarsi al caso, dal momento che condivide con i coniugi Langston lo stesso tragico destino dopo aver perso sua moglie nelle stesse circostanze, ma il mistero si infittisce quando all’improvviso altre persone morte ritornano in città.

Già partita il 9 marzo sulla ABC, la serie Resurrection è prodotta dalla Plan B Entertainment, la casa di produzione fondata nel 2002 da Brad Pitt e Jennifer Aniston che ha all’attivo molti titoli di successo tra serie e film, oltre al ben noto 12 anni schiavo di Steve McQueen, vincitore di tre premi oscar come Miglior film, Miglior attrice non protagonista andato a Lupita Nyong’o e Miglior sceneggiatura non originale a John Ridley.

 

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

torino morto neonato abbandonato in strada

Roma, coppia di coniugi non può avere figli e acquista un neonato per 300 euro

maniaco firenze

Riccardo Viti, il maniaco reo confesso di Firenze, aggredito in carcere