in

Anticipazioni settimanali Il segreto dal 15 al 20 Dicembre: la verità sull’aggressione di Maria

Anticipazioni settimanali Il segreto dal 15 al 20 Dicembre – Quella a cui assisteremo sarà una settimana piena di colpi di scena e di grande suspense, merito delle nuove puntate de Il segreto che andranno in onda da domani. Ricordiamo infatti l’appuntamento con la soap opera spagnola, amatissima dal pubblico italiano, tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, alle ore 16.10 e la domenica in prima serata, sempre su Canale 5.

Intanto vediamo cosa succederà nelle prossime puntate de Il segreto: Raimundo (Ramon Ibarra) fa ritorno a Puente Viejo. Il vecchio Ulloa sembra inconsolabile: la morte di suo figlio Sebastian (Pablo Castanon), nonostante il ragazzo gli abbia mentito, lo ha demoralizzato. Inoltre Francisca (Maria Bouzas) sembra irremovibile: la donna non riesce a perdonare Raimundo per quello che è successo e non vuole più vederlo. Nonostante le pressioni di Don Anselmo (Mario Martin) e di Emilia (Sandra Cervera), la matriarca di villa Montenegro decide di rifiutare ogni visita di Raimundo.

Nel frattempo il capitano Herraro informa tutti che Lazaro non è il vero aggressore di Maria (Loreto Mauleon), chiedendo più tardi alla ragazza di sottoporsi ad alcune sedute con uno psicanalista per recuperare i suoi ricordi di quel tragico evento. La sua famiglia però si oppone, mentre Maria e Gonzalo (Jordi Coll) decidono lo stesso di andare avanti e di contattare uno psicanalista per arrivare alla verità. Durante una seduta di ipnosi, la ragazza ricorda che il suo aggressore le ha strappato dal collo il crocifisso che le aveva regalato Gonzalo. Più tardi si scoprirà che, proprio la stessa collana, è nelle mani di Fernando (Carlos Serrano), che però cerca di stare accanto alla ragazza e consolarla. Quale sarà la verità sull’aggressione di Maria?

nuovo allenatore nazionale italia

Inter ultimissime, Mancini: “Non sarà facile espugnare il Bentegodi”

Andrea Cerioli Uomini e Donne

Uomini e Donne trono classico: il messaggio di Andrea Cerioli su Facebook