in

Anticipazioni Trilussa, Storia d’amore e di poesia: la fiction di RaiUno sul grande poeta italiano

Questa sera su RaiUno alle ore 21.10 appuntamento con il film per la tv Trilussa. Storia d’amore e di poesia, un omaggio al grande poeta romano, che avrà il volto di Michele Placido e noto non solo per le sua opere ma anche per la sua personalità eccentrica.

Trilussa fiction

La storia si focalizza su un periodo molto importante della vita di Trilussa, al secolo Carlo Alberto Salustri: un solo anno, il 1937, durante il quale il poeta raggiunge l’apice del successo a sessantasette anni, anche se continuamente al verde e pieno di debiti ed ospite del conte Osvaldo Della Rocca, padrone della casa in cui vive in compagnia della governante Rosa. Durante una festa organizzata dal conte dopo la rappresentazione teatrale di un’opera di D’Annunzio, ci sono attimi di tensione tra il poeta e il suo padrone di casa che gli rimprovera di aver offeso Marisa Mars, una divetta famosa ai tempi e ritenuta non all’altezza delle capacità che dice di avere. Il conte sfida allora Trilussa chiedendogli di trasformare la giovane Giselda in una vera attrice in soli tre mesi, offrendogli come ricompensa la casa in cui vive. Il poeta accetta di buon grado la sfida, che presenta non pochi ostacoli, prima fra tutte la zia della ragazza, nonché futura madre di Goffredo Lombardo, fondatore della Titanus. Nel frattempo Arturo, il sarto di Trilussa, si innamora di Giselda e riesce a conquistare il cuore della ragazza attraverso le parole del poeta, ma quando la ragazza scopre il segreto si innamora dell’autore dei versi. Ma per Arturo, antifascista convinto, sono in agguato ben altri problemi con lo squadrista Carlacci.

La storia, ambientata a Roma, è un omaggio ad un’eccellenza della letteratura italiana e presenterà al pubblico una parentesi della vita di un artista che è riuscito a tener testa al fascismo grazie all’appoggio della gente.

Serie A, Inter: ecco le ultimissime di mercato

Diego Milito

Mercato, Genoa: Preziosi sogna il ritorno di Diego Milito