in

Antonio Ciontoli prostituta, il fascicolo esiste? Izzo: «Sì, ho visto la denuncia»

Caso Marco Vannini: a quanto pare il fascicolo a carico di Antonio Ciontoli, che contiene una denuncia al militare da parte di una prostituta, esisterebbe davvero. Lo ha confermato davanti le telecamere di Chi l’ha visto? il maresciallo Roberto Izzo, coinvolto nell’inchiesta bis sul caso Vannini a seguito delle dichiarazioni dell’artigiano Davide Vannicola. Al cronista che gli chiede «Lei sapeva della denuncia a Ciontoli?», Izzo risponde infatti: «Mah … l’avevo letta nel fascicolo suo ma sinceramente non mi interessava …All’apoca gli obiettivi erano diversi … il fascicolo serviva esclusivamente per le armi, basta».

Antonio Ciontoli prostituta, Izzo: «Sì, avevo visto fascicolo denuncia»

Il programma di Rai 3 è riuscito inoltre a rintracciare l’ex sottufficiale della Guardia di Finanza, che ha rivelato proprio a Vannicola ciò di cui è a conoscenza. L’audio della telefonata è stato poi diffuso dalla stampa: la presunta rapina alla prostituta sarebbe ricaduta nel tratto di strada competente di Roma e per questo la vicenda sarebbe dovuta andare in Procura di Roma. Invece, secondo il succitato testimone:«Izzo avrebbe fatto in modo che l’episodio venisse fatto ricadere sul territorio di competenza della procura di Civitavecchia, e che quindi il fascicolo finisse nella caserma dei Carabinieri di Ladispoli» sempre in nome di quello stretto rapporto tra Ciontoli ed Izzo, fatto di reciproci scambi di favori, di cui Vannicola parla anche in merito al caso Marco Vannini. Izzo ha ovviamente negato siffatta circostanza, limitandosi solo a confermare l’esistenza del succitato fascicolo a carico di Antonio Ciontoli.

Qui l’audio diffuso da Chi l’ha visto?:

Davide Vannicola torna all’attacco: nuove dichiarazioni ai magistrati su Izzo e Ciontoli

«Antonio Ciontoli mi ha detto che a sparare a Marco non è stato lui ma il figlio Federico», queste le clamorose parole di Vannicola a Le Iene, le quali hanno dato input alle nuove indagini sul caso Marco Vannini. Si aggiunge adesso la succitata registrazione che, se confermata, sarebbe un ulteriore elemento che andrebbe a corroborare quanto sostenuto da Vannicola a mezzo stampa: vi sarebbe stato una sorta di ‘patto’ secondo il quale Ciontoli avrebbe aiutato Izzo, una volta in pensione, ad entrare nei servizi segreti, suo grande sogno. Ecco il perché di questo presunto scambio di favori. L’inchiesta va avanti allo scopo di fare chiarezza su quanto sopra riportato. Le indagini vanno avanti.

Potrebbe interessarti anche: Marco Vannini news, Antonio Ciontoli ipotesi reato contro prostituta: nuova clamorosa indiscrezione

Giulia De Lellis Libro

Giulia De Lellis, libro da record di incassi: primo in classifica

Emma Marrone, 10 anni di carriera: il suo ultimo singolo vola in classifica