in

Antonio Pennarella è morto: lutto nel mondo dello spettacolo italiano, addio al ‘boss’ di Un posto al sole

E’ morto l’attore Antonio Pennarella, volto noto di cinema e televisione. Aveva 58 anni ed era malato da tempo. I funerali si svolgeranno sabato alle 11 nella chiesa di via Porta San Gennaero. Un vero artigiano del teatro, formatosi a partire dai primi anni Ottanta nell’area di ricerca e sperimentazione che fa riferimento alla Galleria Toledo. In teatro ha lavorato con Laura Angiulli e Carlo Buccirosso.

Leggi anche: Tutte le news sul mondo del cinema con UrbanPost

Antonio Pennarella è morto: addio al noto attore italiano, la filmografia

Molto attivo anche nel cinema. E’ apparso in “Il sogno della farfalla” di Marco Bellocchio, “I buchi neri” di Pappi Corsicato, “Il verificatore” di Stefano Incerti, “Giro di luna tra terra e mare” di Beppe Gaudino, “Lontano in fondo agli occhi” di Giuseppe Rocca, “Luna rossa” e “La guerra di Mario” di Antonio Capuano, “Noi credevamo” di Mario Martone, “Leoni” di Pietro Parolin, “Sodoma – L’altra faccia di Gomorra” di Vincenzo Pirozzi, “Take Five” di Guido Lombardi, “Indivisibili” di Edoardo De Angelis, “Pater familias” di Francesco Patierno, “L’uomo spezzato” di Stefano Calvagna, “Noi e la Giulia” di Edoardo Leo e “Nato a Casal di Principe” di Bruno Oliviero. Il suo debutto nelle fiction tv avviene nella miniserie “Una lepre con la faccia di bambina”. Poi è apparso nelle serie “Il maresciallo Rocca”, “La squadra” e “La nuova squadra”, “Provaci ancora prof”, “Capri”, “Il tredicesimo apostolo” Tra il 2004 e il 2007, Pennarella ha fatto parte del cast fisso de “La stagione dei delitti”, interpretando il personaggio di Ciro Cuomo. Nel 2008 ha partecipato alla miniserie “Il coraggio di Angela” nel ruolo di Gegè. Più di recente, è apparso in “Un posto al sole” nel ruolo di Nunzio Vintariello. Tra le altre serie tv a cui ha partecipato, “Il clan dei camorristi”, “Squadra antimafia”, “Il sindaco pescatore”.

Antonio Pennarella è morto: la malattia del personaggio di Un posto al sole

Don Nunzio Vintariello è un boss camorrista e nonno di Nunzio Cammarota. Esce di carcere dopo 14 anni trascorsi lì per omicidio ed è desideroso di conoscere il nipote, adottato da Franco. Nonostante il rifiuto di quest’ultimo i due si frequentano per un periodo finché Don Nunzio non deve tornare in prigione e si dà alla latitanza. Si susseguono così una serie di vicende durate per cinque anni in cui Nunzio entra spesso in contatto con il nipote, con Franco e con tutta la sua famiglia, in particolare la suocera Giulia. Nell’ultima apparizione del personaggio, Vintariello si trova in ospedale per un tumore in fase terminale e viene gravemente ferito in un attentato ordinato da Umberto De Carolis ed eseguito dagli uomini del giovane boss Maiorano. La magistratura inscena la sua morte per permettergli di diventare un collaboratore di giustizia.

Written by Andrea Paolo

46 anni, nato in provincia di Reggio Calabria, emigrato negli anni '80 al nord, è laureato in scienze politiche. Ha lavorato come ricercatore all'estero e studia da anni la criminalità organizzata. Per UrbanPost si occupa di news di cronaca e di gossip sui personaggi del mondo dello spettacolo.

ryanair nuove rotte bologna

Ryanair nuove regole 2018: addio al bagaglio mano gratis, cosa cambia

Asia Argento fatta fuori da X-Factor 2018: chi la sostituirà? La clamorosa ipotesi