in ,

Argentina, orrore in un campionato minore: l’arbitro lo espelle, lui lo uccide

Quello che vi stiamo per raccontare non è calcio, non è sport, ma è un’idea lontana dal fair play e dall’agonismo pulito che ci hanno insegnato i nostri antenati. Argentina, regione di Cordoba, campionato minore: l’arbitro Cesar Flores espelle un calciatore che aveva commesso un bruttissimo fallo, lui non la prende bene, corre negli spogliatoi, torna nel campo con una pistola, lo spara e lo uccide.

I media locali fanno fatica a raccontare l’accaduto, questo non è calcio e non si riesce a trovare nemmeno una descrizione. Il calciatore assassino che ha sparato l’arbitro è ancora a piede libero, è scappato e la polizia è sulle sue tracce per arrestarlo. Nella sparatoria è stato coinvolto anche un calciatore, Walter Zarate, che è stato immediatamente soccorso e tratto fuori pericolo.

Nello sport dovrebbe regnare il fair play, il rispetto per l’avversario e anche per i commissari di gara. Questo non è sport, non è calcio, questo è solo orrore.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

50 sfumature di nero

50 Sfumature di Nero: Jamie Dornan nudo integrale, sarà Dakota Johnson a spogliarlo

cambio euro dollaro

Perché è importante conoscere in tempo reale il cambio euro-dollaro