in ,

Arredare casa in pillole: intervista a Margot Zanni, Style Director di Dalani

Margot Zanni, Style Director di Dalani, per il progetto editoriale “Arredare casa in pillole” di UrbanDonna – Casa, ha risposto ad alcune domande, dando alcuni consigli molto utili di arredamento. Dai colori di tendenza del 2016, a che cosa serve per chiamare la propria casa, “Casa”, ecco tante curiosità…

Immaginiamo di entrare in una casa totalmente bianca e vuota, da che cosa si parte?

Come una tela pronta ad accogliere l’estro dell’artista, una casa vuota è l’ideale per esprimere appieno la propria creatività nell’arredare. La prima cosa da fare è la più difficile: scegliere la funzione che vogliamo dare a ogni stanza. Dopo questa decisione, possiamo passare al colore delle pareti e al posizionamento delle luci.

I tre colori di Dalani del 2016?

Il colore più di tendenza di questa stagione fredda, che interesserà anche la prima parte del 2016, è il rosa. Una nuance che, nelle sue manifestazioni più delicate e pastello, rappresenta un elemento complementare al classico bianco, con cui si sposa alla perfezione sia nel living sia nella mise en place. Un altro colore che vedremo tanto l’anno prossimo è l’arancione, protagonista di elementi di decorazione in grado di accendere l’arredamento con un tocco di calore. Infine il blu, tonalità insostituibile in estate, vera protagonista dell’arredamento in stile coastal.

Il vostro pezzo che non dovrebbe mai mancare?

Dalani è uno shopping club ispirazionale, in grado di proporre tante idee e soluzioni Home&Living sempre nuove e diverse. Proprio per questo il nostro punto forte non è un singolo elemento d’arredo, ma è la combinazione degli stili. Quindi direi che ciò che non può mancare è il gusto Dalani, che si traduce in soluzioni di styling adatte ad ogni occasione.

Meglio minimal o abbondare?

Sono della filosofia del “less is more”. Uno stile curato e privo di eccessi permette di valorizzare al massimo i dettagli, rendendo più accogliente l’ambiente. Ad esempio un divano su cui disponiamo due coppie di cuscini abbinati fra loro è preferibile allo stesso divano con tanti cuscini diversi. La prima soluzione è un invito ad accomodarsi e a vivere l’ambiente, mentre la seconda è più simile a un’immagine da ammirare, è meno reale.

Che cosa serve per chiamare la casa, “Casa”?

Una casa può essere ritenuta tale quando è percepibile la personalità della padrona o del padrone di casa. Si tratta di elementi semplici, ma distintivi, come la combinazione degli stili, la presenza di dettagli legati ad esperienze vissute o la scelta della luce giusta. Adoro entrare in quelle case dove è possibile riconoscere fin dal primo momento la personalità di chi ci abita.

La vostra pillola per i nostri lettori?

Evitate di arredare la vostra casa seguendo un unico stile, rischiate di renderla impersonale e fredda. Piuttosto vi consiglio di combinare fra loro elementi di stili diversi, seguendo il vostro gusto e l’istinto. Il mix & match è il segreto per rendere l’ambiente davvero personale.

Grazie

Photo Credit: Dalani per uso editoriale UrbanDonna – Casa

natale 2015, idee regalo natale maestre, natale 2015 lavoretti, natale 2015 lavoretti fai da te, natale 2015 idee fai da te, natale lavoretti bambini, natale lavoretti creativi, natale lavoretti per bambini

Natale 2015 lavoretti bambini: idee regalo fai da te per la maestra

uomini e donne

Uomini e Donne, Teresa Cilia e Salvatore Di Carlo festeggiano 10 mesi d’amore