in

Arrestato Francesco Belsito, ex tesoriere della Lega Nord

Francesco Belsito, ex tesoriere della Lega Nord, è stato arrestato dalla Guardia di Finanza per associazione a delinquere e truffa aggravata in relazione all’inchiesta sui fondi del partito.

francesco belsito

Nell’ambito della stessa inchiesta è stata anche eseguita un’ordinanza di custodia cautelare verso Stefano Bonet, l’uomo che si occupò dei discussi investimenti dei fondi della Lega in Tanzania.

Fulminea la carriera politica di Belsito: prima militante di Forza Italia poi autista e portaborse dell’ex ministro della Giustizia Alfredo Biondi, si iscrive nel 2002 alla Lega Nord per cui ha ricoperto i ruoli di Capo Segreteria del Presidente del Consiglio regionale ligure Francesco Bruzzone e di segretario della Lega Nord ligure. Dal 2001 al 2006 viene nominato consigliere del Sottosegretario di Stato agli Interni Maurizio Balocchi (ne prenderà il posto alla sua morte); dal 2007 al 2010 vice-segretario e tesoriere regionale della Lega Nord ligure, dal 2010 tesoriere del partito nazionale e nominato anche vicepresidente di Fincantieri.

Un anno fa scoppiarono le polemiche sulle operazioni finanziarie della Lega Nord (oltre 7 milioni di rimborsi elettorali vengono investiti in paesi esteri come Tanzania e Cipro) e su alcune operazioni sospette sui conti correnti del partito. Belsito finì nell’occhio del ciclone e venne espulso dalla Lega Nord; venne criticato anche lo stesso leader e segretario federale Umberto Bossi che ammise di aver approvato le operazioni di Belsito.

Partirono da lì le indagini di varie procure per le ipotesi di reato di appropriazione indebita e truffa aggravata ai danni dello Stato in relazione ai finanziamenti pubblici percepiti dalla Lega (è la prima volta che una procura contesta ciò ad un partito politico).

Stasera in diretta Tv: Borussia Dortmund–Real Madrid, Rosso San Valentino

Come contestare una multa ingiusta al prefetto e al giudice di pace